Semestrale Banca Generali: masse totali crescono dell’11%

I dati del primo semestre di Banca Generali parlano di una crescita delle masse totali dell’11% a 58,1 miliardi di euro. Il CEO Mossa evidenzia i passi in avanti

Semestrale Banca Generali: masse totali crescono dell'11%

I conti del primo semestre di Banca Generali segnano una crescita delle masse totali dell’11%, a 58,1 miliardi di euro, cifra che segna un record per la società.
Numeri questi che arrivano dalle commissioni di gestione in rialzo del 14% a quota 317,9 milioni così come i costi operativi, a 93,6 milioni (+0,4%).

I primi sei mesi dell’anno fanno registrare un utile a 92,6 milioni, che si confronta con i 108,1 milioni dello scorso anno (-14%).

Sul fronte patrimoniale il Cet1 ha superato il 18,2% e il Tcr il 19,8%, entrambi quindi superiori rispetto ai parametri indicati da Bankitalia.
L’eccedenza di capitale, infine, ha toccato quota 305 milioni di euro.

I dati sono stati accolti con soddisfazione dall’ad Gian Maria Mossa, che ha parlato di risultato solido, lodando la capacità della banca di attrarre nuovi clienti anche in contesti di mercato non esattamente favorevoli:

“Le nostre masse hanno toccato a fine giugno un nuovo massimo storico con un incremento a doppia cifra nell’ultimo anno, a conferma della qualità dei nostri consulenti e della versatilità delle soluzioni per la protezione dei portafogli. La banca rimane inoltre concentrata sulla strategia di rafforzamento della componente ricorrente dei risultati per aumentarne la sostenibilità indipendentemente dalla dinamica dei mercati finanziari”.

Sicurezza e soprattutto fiducia in vista del futuro sono stati espressi dai vertici societari, che prevedono una continuazione del trend di crescita nei prossimi mesi, grazie anche ai nuovi servizi e le nuove soluzioni studiate:

“Il positivo riscontro alle nuove soluzioni di investimento e all’advisory evoluta, unite alla realizzazione di alcuni nuovi progetti strategici per la banca, ci rendono fiduciosi per i prossimi trimestri e per il raggiungimento degli obiettivi prefissati”.

Il contenuto che segue è stato redatto prima della pubblicazione dei dati semestrali di Banca Generali e fa particolare riferimento alla sola raccolta della società nel mese di giugno.

Banca Generali raccoglie 502 milioni di euro a giugno.
È questa la cifra comunicata dalla società, che nel semestre terminato il mese scorso ha fatto registrare una raccolta complessiva di di 3,15 miliardi di euro.

Il dato riferito ai sei mesi è minore rispetto ai 3,82 miliardi dello scorso anno, mentre la cifra mensile tiene conto dei pagamenti per imposte da parte dei clienti per 125 milioni e degli esborsi di 61 milioni alle scadenze fiscali.

Per quel che riguarda il risparmio gestito invece la compagnia ha segnalato tramite una nota di aver raggiunto gli 1,64 miliardi di euro.

I dati sono da inserire in una fase mediana per la società guidata da Gian Maria Mossa, successiva alla prima trimestrale del 2018 che ha riportato un utile netto sotto del 12,8% su quota 49 milioni di euro e precedente alla seconda che prevede - secondo le stime di Equita - un calo del 17% dei profitti e un target price tagliato 27,3 euro.

Banca Generali: semestre soddisfacente

Comunicata soddisfazione dai vertici societari, per un trend di crescita che ha portato a un +4,3% rispetto al trend medio di raccolta dell’ultimo triennio, sebbene la cifra complessiva dei primi sei mesi del 2018 sia inferiore a quella fatta registrare nello stesso periodo dello scorso anno.

“Un primo semestre molto soddisfacente, che ci proietta con slancio verso i nostri obiettivi annuali. Nonostante le mutate condizioni dei mercati, alle prese con rinnovati picchi di volatilità come registrato lo scorso febbraio e a maggio, continuiamo a crescere migliorando ulteriormente il ritmo di raccolta rispetto al trend medio dell’ultimo triennio”

, spiega Gian Maria Mossa, ceo di Banca Generali

Accelera anche lo sviluppo nella fascia di clientela private, che costituisce circa il 65% delle masse bancarie - spiega Mossa. Prerogative queste “sempre più apprezzate” dalle famiglie che si affidano alla consulenza della società.

Le azioni di Banca Generali intanto continuano ad avanzare, malgrado l’utile trimestrale in caduta a inizio 2018, e viaggiano con un +2,10% su quota 22,36 euro.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Borsa Italiana

Argomenti:

Italia Borsa Italiana

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.