Bollo fattura elettronica, scadenza a breve per il versamento del secondo trimestre 2019

Scadenza imposta di bollo fattura elettronica: il versamento per il secondo trimestre 2019 dovrà essere effettuato entro il 22 luglio. Facciamo il riepilogo delle istruzioni fornite dall’Agenzia delle Entrate

Bollo fattura elettronica, scadenza a breve per il versamento del secondo trimestre 2019

Bollo sulle fatture elettroniche, si avvicina la scadenza per il versamento dell’imposta dovuta per il secondo trimestre del 2019.

Il pagamento dovrà essere effettuato entro il 22 luglio 2019: la scadenza ordinaria, fissata al giorno 20 del mese successivo al trimestre di riferimento, è automaticamente prorogata, cadendo di sabato.

Due giorni in più di tempo per pagare il bollo dovuto sulle fatture elettroniche trasmesse al SdI nei mesi di aprile, maggio e giugno, secondo le nuove modalità introdotte dal 1° gennaio 2019.

Sarà l’Agenzia delle Entrate a dover mettere a disposizione il modello F24 precompilato con il calcolo dell’imposta di bollo dovuta, che sarà possibile integrare nel caso di errori o incongruenze.

Bollo fattura elettronica, scadenza a breve per il versamento del secondo trimestre 2019

Il calcolo dell’imposta di bollo dovuta sulle fatture elettroniche del secondo trimestre 2019 sarà effettuato dall’Agenzia delle Entrate che terrà conto di tutti i documenti transitati dal SdI che riportano l’annotazione di assolvimento dell’imposta di bollo ai sensi del D.M. 17 giugno 2014

La scadenza del 22 luglio 2019 rappresenta il secondo appuntamento con le nuove modalità di pagamento del bollo sulle fatture transitate tramite il SdI e, si ricorda, l’obbligo di versamento dell’imposta di 2 euro riguarda le fatture emesse senza applicazione dell’IVA e di importo superiore a 77,47 euro.

Come anticipato, a calcolare l’importo dell’imposta dovuta sarà l’Agenzia delle Entrate che sul portale Fatture e Corrispettivi, sotto la sezione Consultazione, metterà a disposizione un servizio per il pagamento mediante il modello F24 precompilato oppure tramite addebito diretto sul conto corrente bancario o postale.

Si ricorda che il codice tributo per il pagamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche è il 2521 ed è stato recentemente istituito dalla risoluzione dell’Agenzia delle Entrate numero 42/E del 9 aprile 2019.

Per approfondire i lettori possono far riferimento all’articolo -> Pagamento bollo fattura elettronica: calcolo e modello f24 precompilato online

Scadenza bollo fatture elettroniche: attenzione al calcolo e ai documenti scartati dal SdI

Recentemente l’Agenzia delle Entrate ha fornito importanti chiarimenti sulla fattura elettronica, anche in relazione alle nuove modalità di pagamento dell’imposta di bollo entrate in vigore dal 1° gennaio 2019.

Con la circolare n. 14/E/2019 è infatti sottolineato come il calcolo effettuato in base alle fatture trasmesse al SdI sia tutt’altro che definitivo.

Innanzitutto, concorreranno al calcolo dell’imposta di bollo da versare trimestralmente le fatture correttamente elaborate e non scartate dallo SdI, cioè quelle per le quali il Sistema ha consegnato o messo a disposizione il file della fattura nel trimestre di riferimento.

Il servizio di calcolo automatico dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche rappresenta un’agevolazione “senza presunzione o vincolo di esaustività, risultando i contribuenti coinvolti tenuti alla verifica degli importi proposti, nonché alle integrazioni che si rendessero necessarie”: è chiaro che quindi bisognerà prestare particolare attenzione al calcolo effettuato dall’Agenzia delle Entrate ed integrare l’importo indicato qualora necessario.

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse per ricevere le news su Imposta di bollo

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.