Migranti, i numeri (veri) da quando non c’è Salvini: sbarchi triplicati, verità o bufala?

Gran balletto di numeri e percentuali sui migranti da quando Matteo Salvini non è più ministro dell’Interno: ecco i numeri veri per capire se quella degli sbarchi triplicati sia la verità o soltanto una bufala.

Migranti, i numeri (veri) da quando non c'è Salvini: sbarchi triplicati, verità o bufala?

Nonostante il periodo della sessione di Bilancio, il tema dei migranti continua a rimanere centrale nel dibattito politico nostrano anche a causa dello scoppio della guerra in Siria tra Turchia e curdi con il concreto rischio di una nuova ondata di rifugiati pronti a chiedere asilo in Europa.

Da quando Matteo Salvini non è più ministro dell’Interno si susseguono poi ogni giorno cifre e percentuali, spesso a sottolineare come adesso con il nuovo corso di Luciana Lamorgese gli sbarchi siano di colpo “ aumentati del 300% ”.

Questa degli sbarchi dei migranti sulle nostre coste triplicati, è quindi la verità o soltanto una bufala? Per capire come stanno veramente le cose, l’unica soluzione è quella di affidarci ai numeri ufficiali diramati dal Viminale.

Prima e dopo Salvini: i numeri degli sbarchi in Italia

Quando si parla di flussi migratori verso l’Italia si devono fare alcuni distinguo. Per prima cosa, i numeri snocciolati dal Ministero dell’Interno si riferiscono soltanto ai migranti sbarcati sulle nostre coste.

Non sono conteggiati quindi quelli che entrano nel territorio italiano attraverso i confini terrestri del Nord-Est. Una precisazione necessaria questa visto che nell’ultimo anno è in pratica raddoppiato il numero dei migranti arrivati in Friuli Venezia Giulia dalla Slovenia seguendo la cosiddetta rotta balcanica.

Nei primi cinque mesi del 2019 sono stati 652 gli irregolari intercettati in Friuli nel tentativo di entrare in Italia, in tutto il 2018 erano stati 446, senza contare chi è riuscito a varcare il confine senza essere fermato.

Altra considerazione è che bisogna tenere conto anche dei diversi scenari internazionali: con lo scoppio della guerra civile in Libia, nel 2019 c’è stata maggiore difficoltà per Tripoli rispetto al 2018 a mantenere fede agli accordi presi con l’Italia in tema di immigrazione.

Con il governo Conte bis che ha giurato lo scorso 5 settembre, il nuovo ministro dell’Interno Luciana Lamorgese è in carica da poco più di quaranta giorni dopo i quindici mesi di permanenza di Matteo Salvini al Viminale.


Fonte Ministero dell’Interno

Se prendiamo in considerazione settembre 2019, gli sbarchi secondo i dati dell’Interno sono stati in totale 2.498 rispetto ai 947 di settembre 2018. Quindi gli arrivi sulle nostre coste hanno subito un’impennata del 264%.


Fonte Ministero dell’Interno

A ottobre 2019 invece sono finora 762 gli sbarchi contro i 1.007 dell’intero mese nel 2018. Se guardiamo però la settimana dal 7 al 13 ottobre, gli arrivi nel 2019 sono stati 237 mentre nel 2018 erano stati 408, quindi il 58% in meno.

Verità o bufala?

Guardando i numeri in merito agli sbarchi dei migranti a settembre 2019 quando al Viminale è arrivata Luciana Lamorgese, possono essere definite abbastanza corrette le affermazioni che parlavano di arrivi triplicati rispetto allo stesso periodo del 2018 quando invece all’Interno c’era Matteo Salvini, anche se la stima è stata un po’ gonfiata.

Il nuovo ministro comunque si è subito adoperata insieme al premier Conte per cercare di trovare una soluzione condivisa sui migranti insieme al resto dell’Europa, anche se l’accordo sulla distribuzione trovato nel vertice di Malta sembrerebbe ora sul punto di finire lungo un binario morto.

Nella settimana tra il 7 e il 13 ottobre 2019 si è registrato però un numero di sbarchi più che dimezzato rispetto gli stessi giorni del 2018 sotto la guida di Salvini, anche se si dovrà attendere la fine del mese per avere un riscontro più ampio.

In conclusione, le dichiarazioni riguardanti gli sbarchi aumentati del 300% a settembre 2019 rispetto allo stesso mese del 2018 non sono una bufala, anche se la stima è generosa visto che c’è stato un +264%.

Al tempo stesso appare ingeneroso dare un giudizio sulla Lamorgese dopo poche settimane dal suo arrivo al Viminale, vista la complessità di un tema che non può essere ridotto a un mero sfoggio di numeri e percentuali visto che in ballo c’è la vita di migliaia di essere umani.

Iscriviti alla newsletter Notizie e Approfondimenti per ricevere le news su Immigrazione

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.