Russia in fallimento? 5 segnali di resilienza (per ora)

Violetta Silvestri

28 Giugno 2022 - 15:41

condividi

Moody’s ha certificato il default della Russia, che respinge l’inadempienza e accusa l’Occidente di aver teso la trappola. Intanto, ci sono almeno 5 elementi da osservare per capire cosa succede.

Russia in fallimento? 5 segnali di resilienza (per ora)

L’agenzia di rating Moody’s ha confermato che la Russia è inadempiente sul suo debito estero per la prima volta in un secolo, dopo che i detentori di obbligazioni non hanno ricevuto $100 milioni di pagamenti di interessi.

Il default storico segue una serie di sanzioni occidentali senza precedenti, che hanno sempre più isolato la Russia dal sistema finanziario globale dopo l’invasione dell’Ucraina. Proprio per questo, Mosca rifiuta la condizione di insolvenza, poiché i pagamenti non hanno raggiunto i creditori a causa di “azioni di terzi”.

Le autorità russe insistono sul fatto di avere i fondi per onorare il debito del Paese, definendo la situazione una farsa e accusando l’Occidente di spingere un default artificiale.

Secondo alcune analisi, comunque, il fallimento resta atipico e ci sono almeno 5 condizioni attuali a livello economico e finanziario che inducono la Russia a resistere.

La Russia sta fallendo? 5 temi per rispondere

In un’analisi di Reuters, è messo in evidenza che il default della Russia del 2022, respinto dal Cremlino, è molto diverso dalle crisi del debito degli anni precedenti: nel 1918 i bolscevichi non volevano pagare e nel 1998 la Russia non poteva estinguere i propri debiti interni.

Questa volta Mosca può pagare e dice di essere pronta, ma l’Occidente lo impedisce. Ci sarebbero, quindi, almeno 5 segnali che indicano che l’economia russa è ancora resiliente.

Il primo è il rublo, che per decenni persino i russi hanno evitato perché così debole e volatile, ma che è di gran lunga la valuta più performante del mondo rispetto al dollaro Usa da inizio anno. La valuta è stata spinta al rialzo dai proventi delle esportazioni di materie prime, dal calo delle importazioni e dai controlli sui capitali che l’hanno protetta da una più ampia svendita.

Il 22 giugno, il rublo ha toccato il massimo degli ultimi 7 anni nei confronti del dollaro e dell’euro.

Il secondo è il petrolio, linfa vitale dell’economia russa, scambiata a oltre $ 100 al barile da quando la Russia ha invaso l’Ucraina. Il petrolio greggio Brent è stato scambiato a $112,99 lunedì.

Con i prezzi elevati, la nazione, seconda esportatrice mondiale della materia prima dopo l’Arabia Saudita e il più grande esportatore globale di gas naturale, ha un tesoro di trilioni di dollari all’anno. Di sicuro, la miscela di greggio degli Urali della Russia vende a uno sconto rispetto al Brent, ma è comunque a un prezzo elevato.

Le sanzioni occidentali hanno costretto la Russia a vendere il proprio petrolio a grandi sconti fino a 40 dollari al barile a Cina e India. Ma i funzionari statunitensi hanno affermato che Mosca stava ancora guadagnando più soldi dalle sue esportazioni di energia oggi rispetto a prima della guerra.

Poi c’è da considerare la situazione tassi. Il 10 giugno la banca centrale russa ha ridotto i suoi tassi di interesse chiave al livello pre-crisi del 9,5% e ha tenuto aperta la porta a un ulteriore allentamento con il rallentamento dell’inflazione.

Subito dopo l’invasione, la Russia ha aumentato i tassi al 20%. Ma questo è ancora molto al di sotto dei tassi astronomici del 150% imposti poco prima della svalutazione dell’agosto 1998.

Secondo l’analisi di Reuters, il quarto elemento di resilienza è il monitoraggio cibo. Ce n’è ancora nei negozi di Mosca e sono pochi i segnali di panico. Immediatamente dopo l’invasione, c’è stato un po’ di fermento nell’acquisto di beni come lo zucchero. Ma ora tale atteggiamento si è placato: c’è cibo in abbondanza nei negozi di Mosca e nessuna corsa alle banche.

Questo è in netto contrasto con gli acquisti presi dal panico che hanno accompagnato la svalutazione del 1998 e la scarsità di cibo che ha seguito la caduta dell’Unione Sovietica nel 1991.

Nel 1990, per alleviare la carenza di alimenti, gli Stati Uniti hanno iniziato a fornire cosce di pollo alla Russia che sono diventate note come «nozhki Busha» - o cosce di Bush - dal nome del presidente George HW Bush che ha firmato l’accordo con Mikhail Gorbachev.

Infine, il quinto aspetto da osservare è la disoccupazione, al 4%, un minimo storico, ad aprile. Alcuni temono, in realtà, che la disoccupazione possa essere sottovalutata, con le grandi aziende che devono ancora tagliare il personale.

Ad ogni modo, il focus sul default russo continua.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.