Russia: la guerra riporta l’economia indietro al 2018

Violetta Silvestri

13 Agosto 2022 - 10:27

condividi

Qual è il bilancio della guerra in Ucraina sull’economia russa? Le sanzioni stanno danneggiando il sistema economico del Paese? Un’analisi della situazione russa, tornata indietro di quattro anni.

Russia: la guerra riporta l'economia indietro al 2018

Perde terreno l’economia della Russia e la colpa è della guerra voluta da Putin.

Come analizzato da Bloomberg, l’invasione dell’Ucraina ha riportato l’economia russa indietro di quattro anni nel primo trimestre dopo l’attacco, mettendola sulla buona strada per una delle flessioni più lunghe mai registrate, anche se meno bruscamente di quanto inizialmente temuto.

In un triste bilancio della guerra per la Russia, un’economia che stava prendendo velocità all’inizio del 2022 ha subito una contrazione durante il secondo trimestre. I dati hanno mostrato che il prodotto interno lordo si è ridotto per la prima volta in oltre un anno, ma è andato meglio del previsto, scendendo del 4% annuo.

Secondo le analisi, il Pil è ora più o meno equivalente alla sua dimensione nel 2018: cosa significa per Putin e quali previsioni?

Declino dell’economia russa: di quanto?

Alexander Isakov, economista russo, ha così commentato l’ultimo risultato sulla Russia:

L’economia perderà quattro anni di crescita, tornando alle dimensioni del 2018 nel secondo trimestre. Prevediamo che la contrazione rallenterà nel quarto trimestre con una politica monetaria più accomodante a sostegno della domanda. Tuttavia, l’economia perderà un altro 2% nel 2023 poiché il divieto energetico europeo deprimerà le esportazioni

La scossa delle sanzioni internazionali ha interrotto il commercio e gettato in paralisi industrie come la produzione automobilistica, mentre la spesa dei consumatori è aumentata. Sebbene il declino dell’economia finora non sia così drammatico come inizialmente previsto, la banca centrale prevede che la crisi peggiorerà nei prossimi trimestri, raggiungendo il punto più basso nella prima metà del prossimo anno.

In realtà, aleggia un cauto ottimismo in Russia. “L’economia si muoverà verso un nuovo equilibrio a lungo termine”, ha detto il vice governatore della Banca di Russia Alexey Zabotkin in un briefing a Mosca. “Man mano che l’economia subisce una ristrutturazione, la sua crescita riprenderà”.

La Banca di Russia ha agito per contenere lo sconvolgimento dei mercati e del rublo con controlli sui capitali e forti aumenti dei tassi di interesse. È tornata la calma sufficiente per annullare molte di quelle misure.

Anche lo stimolo fiscale e le ripetute fasi di allentamento monetario negli ultimi mesi hanno iniziato a farsi sentire, attenuando l’impatto delle sanzioni internazionali. L’estrazione petrolifera è in ripresa e la spesa delle famiglie ha mostrato segnali di stabilizzazione.

Cosa si prevede in Russia: affondo o ripresa?

La banca centrale ha pubblicato una bozza delle sue prospettive politiche per i prossimi tre anni, prevedendo che l’economia impiegherà fino al 2025 per tornare al suo tasso di crescita potenziale dell’1,5%-2,5%. Le proiezioni per il 2022-2024 sono rimaste invariate, con una previsione del Pil in calo del 4%-6% e dell’1%-4% rispettivamente quest’anno e il prossimo.

Il rapporto includeva anche un cosiddetto scenario di rischio in cui le condizioni economiche globali peggiorano ulteriormente e le esportazioni russe sono soggette a sanzioni aggiuntive. Se ciò dovesse accadere, la crisi economica della Russia il prossimo anno potrebbe essere più profonda che durante la crisi finanziaria globale del 2009 e la crescita riprenderebbe solo nel 2025.

Gli economisti di banche tra cui JPMorgan Chase & Co. e Citigroup Inc. hanno da allora migliorato le loro prospettive e ora vedono la produzione in calo di appena il 3,5% nell’intero anno.

La situazione di stallo sulle spedizioni di energia in Europa solleva nuovi rischi per l’economia. I cali mensili della produzione di petrolio inizieranno non appena ad agosto, secondo l’Agenzia internazionale per l’energia, che prevede che la produzione di greggio russa diminuirà di circa il 20% entro l’inizio del prossimo anno.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.