Riunione Fed oggi: rialzo tassi di 75 o 100 pb?

Violetta Silvestri

21/09/2022

21/09/2022 - 08:29

condividi

La riunione della Federal Reserve di oggi mercoledì 21 settembre è al centro dell’attenzione dei mercati globali: cosa sta per accadere? Si scommette su un’altra mossa da falco per freddare i prezzi.

Riunione Fed oggi: rialzo tassi di 75 o 100 pb?

Riunione Fed di oggi, mercoledì 21 settembre sotto i riflettori: la banca centrale Usa dovrebbe annunciare un terzo aumento consecutivo del tasso di interesse di 0,75 punti percentuali.

La Fed negli ultimi mesi ha alzato i tassi di interesse a un ritmo sostenuto, nel tentativo di frenare la crescita dei prezzi che continua a raggiungere i massimi degli ultimi 40 anni. Gli economisti si aspettavano un calo dell’inflazione ad agosto, grazie alla frenata dei prezzi della benzina, ma i dati pubblicati hanno mostrato un piccolo aumento, suggerendo che la banca centrale non ha ancora finito il suo lavoro.

Inoltre, la riunione Fed del 21 settembre è attesa anche per il rilascio del “dot plot”, o sintesi delle proiezioni economiche, che mostra dove tassi di interesse, inflazione, disoccupazione e prodotto interno lordo arriveranno nel corso dei prossimi anni. Sono previsti cambiamenti significativi nelle aspettative.

Fed, riunione oggi 21 settembre: cosa sta per accadere ai tassi?

La stima di consenso è per un aumento di 75 punti base, che porterebbe così il tasso di interesse di riferimento tra il 3 e il 3,25%, da quasi zero all’inizio dell’anno.

I mercati stanno valutando anche la piccola possibilità di una mossa di 100 punti base, ma gli economisti sono scettici.

“Dubitiamo che ci sia consenso sul fatto che il FOMC vada così avanti e acceleri ulteriormente il ritmo di inasprimento”, ha affermato Sam Bullard, economista senior di Wells Fargo.

Gli analisti pensano che Powell parlerà con un tono duro dell’inflazione, considerando il rapporto sorprendentemente caldo sui prezzi al consumo della scorsa settimana per agosto. L’inflazione core è aumentata dello 0,6%, vanificando le speranze ottimistiche di un calo.

“Credo che Powell non abbia altra scelta che ripetere il tono deciso trasmesso a Jackson Hole, che può essere interpretato come piuttosto da falco”, ha sottolineato Stephen Stanley, capo economista di Amherst Pierpont.

“I funzionari della Fed hanno dichiarato l’inflazione come ‘nemico pubblico n. 1’”, ha affermato Mark Hamrick, analista economico senior di Bankrate.com. “Vogliono portare il loro tasso di riferimento in un territorio restrittivo e mantenerlo lì più a lungo, in attesa di ciò che il presidente Jerome Powell ha affermato deve essere ‘una prova convincente che l’inflazione sta scendendo’...Rimaniamo lontani da quella destinazione.”

Il miliardario promotore immobiliare Barry Sternlicht ha dichiarato la scorsa settimana che, a meno che la Fed non metta in pausa gli aumenti dei tassi, l’economia potrebbe cadere in una recessione significativa. “L’economia sta frenando fortemente”, ha detto Sternlicht alla CNBC.

C’è da ricordare che gli aumenti dei tassi della banca centrale stanno avendo un impatto diretto sulle abitazioni. I tassi ipotecari sono saliti al di sopra del 6% la scorsa settimana, per la prima volta dal 2008. L’aumento dei costi finanziari ha rallentato significativamente l’acquisto di case.

In una nota ai clienti, gli economisti della Bank of America hanno previsto che i politici della Fed probabilmente rivedranno le loro proiezioni economiche questa settimana, per includere una minore crescita e una maggiore disoccupazione. “È probabile che stia arrivando uno shock sugli utili”, ha scritto Candace Browning, capo della ricerca globale di Bank of America, in una nota separata.

Previsioni al 2025: quali aggiornamenti dalla Fed?

La decisione sui tassi di interesse sarà accompagnata da un nuovo “dot plot” che compila le previsioni dei funzionari per i tassi fino alla fine del 2025.

“Il messaggio deve essere che non vedono ancora la fine del tunnel in termini di aumenti dei tassi”, ha affermato Ethan Harris, capo della ricerca sull’economia globale presso la Bank of America. “Non si tratta di quanto grandi saranno le variazioni, ma piuttosto quanto dureranno gli interventi sui tassi”.

Michael Feroli, capo economista statunitense di JP Morgan, ha alzato le previsioni del tasso sui fondi federali dal 4% al 4,25% entro l’inizio del 2023. Lou Crandall, capo economista presso Wrightson ICAP, pensa che l’ultimo rapporto CPI alteri il caso di base per il prossimo incontro della Fed dell’1-2 novembre.

“Se l’IPC di agosto fosse stato debole come previsto, Powell avrebbe potuto suggerire che la Fed avrebbe potuto ridurre l’entità dei suoi aumenti dei tassi a novembre. Invece Powell dovrà mantenere aperte le sue opzioni. Non possiamo escludere la possibilità che le condizioni si ammorbidiscano abbastanza da consentire al FOMC di declassare a novembre, ma la nostra ipotesi di partenza è che produrrà un aumento di 75 punti base per il quarto incontro consecutivo”, ha scritto Crandall in una nota.

La nuova serie di proiezioni, la prima da giugno, includerà anche le stime ufficiali per inflazione, disoccupazione e crescita.

Gli economisti si aspettano che le stime di inflazione a breve termine aumenteranno marginalmente e che i funzionari riconoscano più direttamente che la crescita e l’occupazione subiranno un colpo maggiore di quanto previsto all’inizio dell’estate. All’epoca, valutavano che il tasso di disoccupazione sarebbe salito al 4,1% entro il 2024. Attualmente si attesta al 3,7% e, secondo un recente sondaggio del Financial Times tra i migliori economisti, dovrebbe raggiungere il 4% l’anno prossimo.

La preoccupazione principale è che i vincoli di offerta continueranno ad alimentare l’inflazione, il che significa che la Fed deve fare di più per contenerla.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.