Risarcimento danni fisici, quanti soldi spettano?

Ilena D’Errico

8 Giugno 2024 - 13:48

Quanti soldi spettano per il risarcimento di danni fisici: ecco tutte le informazioni utili per capire come avviene il calcolo.

Risarcimento danni fisici, quanti soldi spettano?

Nel nostro ordinamento chi causa ad altri un danno ingiusto è tenuto a pagare un risarcimento, per compensare l’altra parte della perdita subita e dei disagi. Ci sono diverse tipologie di danni, ma la distinzione più importante e utile giuridicamente è senza dubbio tra quelli patrimoniali e quelli non patrimoniali. La differenza è che i danni patrimoniali sono immediatamente quantificabili in denaro perché corrispondono a una perdita economica che il soggetto ha subito come danno o in relazione a esso.

I danni non patrimoniali, invece, riguardano disagi e sofferenze che non consistono nella perdita di denaro, anche se ovviamente devono essere comunque quantificati in denaro ai fini del risarcimento. I danni fisici attengono principalmente a questa categoria, ma sono quasi sempre correlati anche ai danni patrimoniali per le spese mediche. Per capire quanti soldi spettano a chi ha subito un danno fisico bisogna tenere conto di tutti gli elementi del danno e far riferimento ai criteri utilizzati dal giudice per il calcolo.

Il calcolo del risarcimento per i danni fisici

Chi riporta un danno fisico a seguito di un illecito, di un reato o di una violazione contrattuale ha diritto al risarcimento del danno in tutte le sue componenti. La sofferenza provata, le eventuali ripercussioni sull’organismo, sulle relazioni sociali dell’individuo o sulla sua attività lavorativa, sono elementi che devono essere considerati nel calcolo del risarcimento. Quest’ultimo deve infatti essere proporzionato alla gravità dei danni.

Il calcolo del risarcimento da danni fisici è spesso motivo di apprensione, non è facile capire come sia possibile tradurre economicamente sofferenze, dolori e pregiudizi di salute. Non a caso, vengono utilizzati in proposito dei criteri obiettivi per semplificare il lavoro del giudice nella determinazione di un risarcimento idoneo, almeno laddove possibile. Idealmente, i soldi del risarcimento sono corrispondenti al pregiudizio patito dalla vittima (o persona offesa), nella maniera più precisa possibile.

Il danno biologico

Il danno biologico è una componente fondamentale dei danni fisici e fortunatamente anche una delle più semplici da calcolare. Chiariamo, intanto, che per danno biologico si intende la lesione dell’integrità fisica e/o psichica, quindi comprende tutti i danni fisici che consistono in limitazioni alla funzionalità dell’organismo.

Il danno biologico viene valutato da una perizia medico-legale, che attribuisce un punteggio a seconda dei pregiudizi riportati dal soggetto, anche in riferimento alla perdita di capacità lavorativa, ma più che altro riguardo alla complessiva qualità della vita. Per le lesioni micropermanenti, con un punteggio pari o inferiore al 9%, ci sono precisi criteri per il calcolo del danno, che in questo caso è definito di lieve entità.

In particolare, si tiene conto dei seguenti elementi:

  • i punti riconosciuti;
  • l’età del danneggiato;
  • l’invalidità assoluta e parziale;
  • l’inabilità.

Per il calcolo è possibile affidarsi alle tabelle ufficiali redatte annualmente dai tribunali. A titolo di esempio, si allega quella del tribunale di Milano aggiornata al 2024. Nei casi di malasanità e infortunistica stradale si trovano invece criteri specifici, che comunque trovano riscontro nelle tabelle dei tribunali. Queste ultime sono utili anche se i punti di invalidità riconosciuti sono superiori a 9.

Tabelle risarcimento danno non patrimoniale
Tribunale di Milano 2024

In questi casi si parla però di lesioni macropermanenti, per le quali è essenziale la valutazione del giudice sul caso specifico, tenendo conto di tutte le circostanze utili.

Danno morale e relazionale

Oltre al danno biologico, i danni fisici possono far conseguire anche danni morali e relazionali. I primi afferiscono alla sofferenza conseguente al danno, valutata non soltanto a livello psicologico ma anche fisico. Si tratta di una componente importante dei danni fisici, accanto al danno biologico che invece rappresenta concretamente la lesione subita. I danni relazionali riguardano invece in modo specifico le conseguenze sulla quotidianità del soggetto, ma soltanto per quegli effetti che possono interferire con la vita sociale.

Il danno morale e il danno esistenziale non possono prevedere dei parametri, ma devono essere ponderati dal giudice basandosi sulla situazione complessiva. È però bene sapere che il riconoscimento di questi danni è possibile soltanto quando c’è stata la lesione di un diritto costituzionalmente riconosciuto oppure quando si tratta di conseguenze di un reato.

Un criterio utile per la determinazione del danno morale in presenza di danni fisici è però la sua proporzione rispetto al danno biologico, tendenzialmente il primo calcolato su una frazione dell’invalidità riconosciuta per il primo, in genere dal 25% al 50%. Nei casi di particolare gravità, tuttavia, non è raro che i giudici vadano oltre queste percentuali.

I danni patrimoniali

L’esistenza di danni fisici non preclude certo quelli patrimoniali, che includono ad esempio le spese per i farmaci, le cure mediche, la riabilitazione e l’assistenza conseguenti al danno biologico. In questi casi il risarcimento corrisponde agli importi spesi. Oltretutto, il giudice tiene conto anche della perdita di capacità lavorativa generica e personale nella determinazione del danno biologico.

Quanti soldi per i danni fisici?

Alla luce del metodo di calcolo del risarcimento non è possibile stabilire a priori quanti soldi spettano a chi subisce un danno fisico, anche se ognuno conoscendo la propria situazione specifica può farsi un’idea dei parametri attraverso le tabelle.

Iscriviti a Money.it

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo