Riforma fiscale 2021: come cambiano Irpef e IVA

Riforma fiscale 2021, sono state presentate le linee guida del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza: una parte delle risorse del Recovery Fund verrà usata per cambiare le aliquote Irpef e IVA e diminuire così la pressione fiscale.

Riforma fiscale 2021: come cambiano Irpef e IVA

Riforma fiscale 2021, si iniziano a porre le basi per la prossima Legge di Bilancio e con le prime linee guida sull’uso delle risorse del Recovery Fund è stato annunciato un nuovo sistema di tassazione.

Le linee guida per la definizione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza sono state diffuse il 16 settembre, e pare che finalmente l’Italia si adeguerà alle direttive europee di spostare la tassazione dalle persone alle cose.

Questo significa che non cambierà solo l’Irpef, ma anche l’IVA: alla riforma fiscale è dedicato un’intera sezione delle linee guida.

Riforma fiscale 2021: come cambia l’Irpef

La riforma fiscale 2021 inizia a prendere forma, e la verità è che i tempi sono brevi e le cose da fare sono tante. Nelle linee guida anticipate dall’Ansa su come il Governo ha intenzione di impiegare le risorse del Recovery Fund.

Si legge nel Piano di Nazionale di Ripresa e Resilienza nella sezione dedicata alla riforma del Fisco:

“Una riforma complessiva della tassazione diretta e indiretta, finalizzata a disegnare un fisco equo semplice e trasparente per i cittadini, che riduca in particolare la pressione fiscale sui ceti medi e le famiglie con figli e acceleri la transizione del sistema economico verso una maggiore sostenibilità ambientale.”

La riforma dell’Irpef è stata annunciata da tempo, anche prima dell’inizio della pandemia, anche se ovviamente l’arrivo dell’emergenza sanitaria ha ritardato i lavori. Per ora i commercialisti hanno proposto l’abrogazione dell’aliquota del 38%, ma sul taglio delle aliquote Irpef il Governo ancora non si è pronunciato.

Sono due i pilastri della riforma Irpef attualmente diffusi: il taglio delle tasse sul lavoro (il cosiddetto cuneo fiscale), che va ad agevolare soprattutto il ceto medio, e l’assegno unico per le famiglie, che rivoluziona tutto il sistema a sostegno dei nuclei familiari.

Riforma fiscale 2021: nessun aumento IVA

Ma il nuovo sistema di tassazione annunciato nelle suddette linee guida si sposta dalle persone alle cose, quindi a cambiare non saranno solo le aliquote Irpef, ma anche dell’IVA e dell’Ires.

La revisione dell’IVA però è ancora tutta da tracciare. Il punto di partenza sono le tre aliquote attuali:

  • quella minima del 4% per i beni primari come gli alimenti;
  • quella agevolata del 10%;
  • quella ordinaria del 22%.

Si legge nelle linee guida che:

“il Governo ha deciso di disattivare anche tutti gli aumenti di IVA e accise previsti dalle clausole di salvaguardia.”

Questo significa che non ci sarà un aumento dell’IVA nel 2021: anche se quest’anno le clausole di salvaguardia erano state disinnescate, l’ombra di un possibile aumento rimane sempre. Sembra invece che il rincaro dei prezzi sia stato scongiurato anche per il prossimo anno.

Non resta che attendere maggiori informazioni ufficiali su come Irpef e IVA cambieranno nella prossima Legge di Bilancio.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories