Differenza tra domicilio e residenza: come distinguerli ed evitare errori

Che differenza c’è tra domicilio e residenza? A cosa servono? Ecco la guida pratica che risponde a tutte le vostre domande.

Differenza tra domicilio e residenza: come distinguerli ed evitare errori

Quale differenza tra domicilio e residenza? Potrebbe sembrare una domanda banale, eppure per molte persone la distinzione non è chiara.

Invece, conoscere la differenza tra domicilio e residenza è molto importante, in quanto in ogni documento ufficiale viene richiesto di indicare il proprio indirizzo.

Apparentemente questi due concetti possono sembrare simili e interscambiabili, in realtà non è così (anche se in alcuni casi coincidono) ecco perché è molto importante non inserire l’indirizzo sbagliato.

In questo articolo risponderemo nel modo più chiaro e dettagliato possibile ai vostri dubbi, evidenziando tutte le differenze che ci sono tra domicilio e residenza, in modo da ridurre al minimo il rischio di errore.

Cosa si intende per “dimora”?

Prima di addentrarci nelle differenze che intercorrono tra domicilio e residenza, è necessario chiarire cosa si intende per “dimora” e qual è il suo valore giuridico.

La dimora è il luogo in cui la persona si trova per un determinato periodo di tempo; può essere fissa oppure transitoria, ma anche qui la permanenza deve durare almeno qualche giorno. Facciamo degli esempi pratici. Quando si va in ferie, la casa vacanze diventa per qualche giorno il luogo di dimora, invece l’Ufficio in cui si lavora non può mai trasformarsi in dimora in quando vi si trascorrono poche ore della giornata, anche se in maniera abituale.

Il termine “dimora”, difatti, deriva dal verbo “morari” che vuol dire “rimanere”. Perché il significato di dimora è così importante? Perché è legato a quello di residenza; questo, infatti, è il luogo in cui una persona ha la dimora “abituale”, ovvero in cui vive in maniera “stabile” e “duratura”.

Quindi, ricapitolando, la dimora e la residenza coincidono solo quando la persona si trova nella propria abitazione, invece i due concetti restano distinti quando si trascorre del tempo nella casa di villeggiatura.

Cos’è la residenza?

Passiamo ora al concetto di residenza. Come abbiamo anticipato, per essere residente in un determinato luogo, la persona deve viverci abitualmente e non in maniera occasionale e circoscritta a determinati periodi dell’anno, come accade quando si va in vacanza.

Attenzione però a non fare confusione: per essere residenti in luogo non è necessario che la stabilità della dimora sia continua, l’importante è che sia duratura nel tempo e che la persona abbia la volontà di fare di quel luogo la sua abitazione principale.

Dunque, cosa cambia rispetto al concetto di domicilio? Vediamolo nel prossimo paragrafo.

Cos’è il domicilio?

Per domicilio si intende il luogo in cui un soggetto concentra i suoi affari o interessi di altri tipo. In pratica, mentre la residenza indica il luogo in cui si esplica la vita privata della persona, il domicilio è il luogo in cui si svolge la vita professionale.

Non sempre residenza e domicilio sono luoghi distinti. Nulla vieta infatti che i due concetti si trovino sovrapposti tra loro. Ciò non toglie che è possibile eleggere domicilio in un luogo differente da quello di residenza, anche per lo svolgimento di singoli affari.

In questo caso si parla di “domicilio speciale” in quanto si riferisce ad episodi singoli e isolati, e viene meno una volta che questi sono conclusi. Ad esempio, quando si è chiamati in causa davanti ad un giudice generalmente si elegge come domicilio speciale lo studio del difensore.

Invece per l’avvocato, il luogo in cui ha lo studio è il domicilio generale, in quanto è lì che si esplica la sua attività professionale in maniera abituale e continuata. Questo significa che il legale eleggerà un nuovo domicilio solo nel caso in cui dovesse spostare il suo ufficio in un altro indirizzo.

Perché è importante distinguere il domicilio dalla residenza?

Domicilio e residenza sono concetti distinti e, come stiamo per vedere, questa differenza ha numerosi risvolti nella vita di tutti i giorni. Tanto per citare uno degli esempi più lampanti, è presso il domicilio (inteso come luogo in cui si esplica l’attività professionale) che verranno recapitate le comunicazioni riferite a questioni di lavoro, e non alla residenza.

Quindi quando si invia la domanda per un concorso pubblico e si indicano due diversi indirizzi per residenza e domicilio è presso quest’ultimo indirizzo che verranno inviate tutte le comunicazioni; lo stesso discorso vale per le bollette di luce, gas e telefono, qualora residenza e domicilio indicati nel contratto non coincidano.

Nel dettaglio, è nel Comune di residenza che:

  • si sceglie il medico di famiglia;
  • si è iscritti alla lista elettorale;
  • ci si deve rivolgere per gli adempimenti da svolgere in caso di matrimonio, o per la richiesta dei certificati anagrafici.

Il domicilio, invece, è il luogo in cui solitamente:

  • si apre una tutela;
  • si apre una successione a causa di morte;
  • viene dichiarato il fallimento dell’imprenditore.

Questi sono i motivi per cui è fondamentale tenere bene a mente la differenza tra i due concetti. Farlo è molto semplice: per indicare la residenza basta rivolgersi allo sportello del Comune di appartenenza e dichiarare l’indirizzo in cui si vive abitualmente. Pochi giorni dopo il Comune verificherà che le dichiarazioni siano veritiere, inviando il personale della Polizia Locale per un controllo.

Come indicato dal II° comma dell’articolo 47 del Codice Civile, invece, il domicilio va “eletto” e questo può avvenire “esclusivamente per iscritto”.

Attenzione però a non confondere il domicilio e la residenza con il domicilio e la residenza fiscale. Anche in questo caso infatti le differenze sono molteplici, come indicato nel nostro articolo di approfondimento.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Proprietà

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.