Rendimenti obbligazioni sempre più in alto nel 2023: il motivo

Violetta Silvestri

24 Dicembre 2022 - 13:22

condividi

Il 2023 vedrà ancora aumenti dei rendimenti delle obbligazioni e il motivo è uno solo: le mosse delle banche centrali, ma non sui tassi. Cosa può accadere al costo del denaro e al mercato del debito.

Rendimenti obbligazioni sempre più in alto nel 2023: il motivo

Il 2023 sarà ancora un anno infuocato per i rendimenti delle obbligazioni. E il motivo sarà principalmente uno, secondo la previsione di un esperto.

Nel mirino degli investitori ci sono le banche centrali, che con i loro rialzi dei tassi per abbassare l’inflazione hanno sancito la fine della stagione del costo del denaro a zero o negativo. Tuttavia, il focus è anche su un’altra mossa di Fed, Bce, Bank of England (per citare le più importanti) e riguarda la riduzione di bilancio.

Peter Toogood, chief investment officer di Embark Group ha sottolineato che l’inasprimento quantitativo delle banche centrali sarà un tema cruciale nel 2023. Con la conseguenza di rendimenti sempre più alti.

Rendimenti obbligazioni 2023: rialzi in vista, il motivo

Le banche centrali di tutto il mondo sono passate nell’ultimo anno dall’allentamento quantitativo - ovvero l’acquisto di obbligazioni per aumentare i prezzi e mantenere bassi i rendimenti, in teoria riducendo i costi di prestito e sostenendo la spesa nell’economia - all’inasprimento quantitativo, con la vendita di attività per avere l’effetto opposto e, cosa più importante, frenare l’inflazione. I rendimenti obbligazionari si muovono inversamente rispetto ai prezzi.

Gran parte del movimento nei mercati azionari e obbligazionari negli ultimi mesi si è incentrato sulle speranze degli investitori, o sulla loro mancanza, per un cosiddetto “pivot” da parte della Federal Reserve statunitense e di altre banche centrali, o meglio sulla previsione di un allentamento dei rialzi dei tassi.

Tuttavia, c’è un altro tema fondamentale per capire fin dove possono spingersi - in alto - i rendimenti obbligazionari: si tratta della riduzione di bilancio delle banche centrali.

Toogood ha suggerito che la transizione dall’allentamento quantitativo alla stretta quantitativa (o dal QE al QT) nel 2023 spingerà i rendimenti obbligazionari verso l’alto perché i governi emetteranno debito che le banche centrali non stanno più acquistando. Ha detto che la Bce ha acquistato “ogni singola obbligazione sovrana europea negli ultimi sei anni e all’improvviso l’anno prossimo... non lo faranno più”.

La Banca centrale europea ha promesso di iniziare a scaricare i suoi 5 trilioni di euro di titoli obbligazionari a partire da marzo del prossimo anno. La Banca d’Inghilterra, nel frattempo, ha accelerato il ritmo delle sue vendite di asset e ha dichiarato che venderà 9,75 miliardi di sterline di gilt nel primo trimestre del 2023.

Tuttavia, i Governi continueranno a emettere “obbligazioni sovrane in un mercato in cui le banche centrali teoricamente non lo compreranno più”, ha aggiunto.

Toogood ha affermato che questo cambiamento nelle dinamiche di emissione sarà altrettanto importante per gli investitori quanto un “pivot” della Fed il prossimo anno.

Secondo lo stratega, “i dati sull’inflazione sono ottimi, la mia principale preoccupazione per il prossimo anno rimane la stessa. Continuo a pensare che i rendimenti obbligazionari aumenteranno per le ragioni sbagliate ... Continuo a pensare che settembre di quest’anno sia stato un buon avvertimento su ciò che può accadere se i Governi continuano a spendere”.

Nello specifico, a settembre i rendimenti dei Treasury statunitensi sono aumentati, con il rendimento a 10 anni che a un certo punto ha superato il 4% mentre gli investitori cercavano di prevedere le prossime mosse della Fed. Nel frattempo, i rendimenti dei titoli di stato del Regno Unito sono aumentati in modo così aggressivo che la Banca d’Inghilterra è stata costretta a intervenire per garantire la stabilità finanziaria del Paese e prevenire un crollo diffuso dei fondi pensione britannici sull’ultimo stipendio.

Il mercato obbligazionario si prepara così a un 2023 non privo di scosse.

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO

Correlato