Il caso del sondaggio vietato voluto da Conte pubblicato per errore

Ansa ha pubblicato per errore un sondaggio sul referendum e sulla popolarità dei leader realizzato da Ipsos e commissionato dal premier Conte: essendo un periodo vietato l’agenzia ha subito cancellato la notizia scusandosi, ma questo non ha evitato le immancabili polemiche.

Il caso del sondaggio vietato voluto da Conte pubblicato per errore

I sondaggi in Italia riescono a far notizia anche quando non possono essere pubblicati. Tutto nasce da un errore commesso dalla agenzia Ansa, subito notato da Lorenzo Pregliasco il fondatore di Youtrend.

Per legge dalle ore 24 di venerdì 4 settembre 2020 e fino alla chiusura dei seggi elettorali è vietata la pubblicazione dei sondaggi, visto l’election day in programma il 20 e 21 settembre dove si voterà contemporaneamente per il referendum, le regionali e il primo turno delle amministrative.

Succede così che nella serata di venerdì 11 settembre l’Ansa ha pubblica un sondaggio, realizzato da Ipsos e commissionato dal premier Giuseppe Conte, in un momento dove per legge non possono essere diramati.

La cosa viene subito notata da Lorenzo Pregliasco e l’Ansa ha cancellato subito la notizia scusandosi per l’errore, con Guido Crosetto di Fratelli d’Italia che ha commentato il tutto con un laconico “mah…”.

Referendum, Ansa pubblica sondaggio per errore

A pochi giorni dal referendum sul taglio dei parlamentari, principale oggetto di dibattito pubblico negli ultimi tempi, l’Ansa batte “per errore” un sondaggio commissionato dal premier Conte, a capo della coalizione che ha promosso il referendum stesso.

I dati sono stati diffusi alle ore 19:00 di venerdì 11. Non li riportiamo qui perché la legge vieta di diffondere sondaggi politici o elettorali nei 15 giorni che precedono le votazioni, ma è facile immaginare verso quale parte andavano a favore.

Il lancio dell’Ansa viene inizialmente notato su Twitter da Pregliasco, il quale, un paio di ore dopo, segnala che la notizia era stata in seguito cancellata. “Non ricordo fosse mai accaduta una cosa simile in pieno blackout pre-elettorale”, commenta il fondatore di YouTrend.

Le scuse del direttore

È stato un errore e ce ne scusiamo. Appena ce ne siamo resi conto abbiamo annullato e cancellato la notizia. Come si deve fare quando purtroppo si sbaglia”, scrive quindi il direttore dell’agenzia di stampa.

Le scuse di Contu non sono bastate a placare le polemiche, dato che in molti, sui social, ipotizzano una «manina» che avrebbe spinto per la pubblicazione del sondaggio.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories