Reddito di Cittadinanza più facile con nuovo ISEE: le novità

Ottenere il reddito di cittadinanza sarà più facile grazie alle novità in vigore sull’ISEE. Le ultime disposizioni sulla dichiarazione dei redditi, ad oggi operative, garantiscono un accesso allargato al sussidio. Scopriamo come.

Reddito di Cittadinanza più facile con nuovo ISEE: le novità

Reddito di cittadinanza più facile con nuovo ISEE: ecco cosa cambia dopo la pubblicazione del Ministero del Lavoro del modulo di dichiarazione sostitutiva unica che ingloba le disposizioni introdotte con il Decreto crescita 2019.

Le variazioni introdotte per l’accesso all’ISEE corrente e ordinario hanno conseguenze dirette su chi vuole richiedere il reddito di cittadinanza: averlo sarà più facile.

La domanda per il sussidio, infatti, verrà supportata dall’introduzione di nuovi requisiti. Alcune categorie di persone che hanno vissuto situazioni lavorative e di reddito difficili, ma che ad oggi erano precluse dal sussidio, potranno adesso averne diritto.

Queste novità, è bene chiarire, non comportano alcun cambiamento dei requisiti per il RdC che restano quelli descritti dal decreto 4/2019.

Reddito di cittadinanza: novità con ISEE corrente più flessibile

Le novità introdotte dal Decreto crescita e oggi operative riguardano innanzitutto l’ISEE corrente, ovvero la dichiarazione della situazione reddituale alternativa a quella ordinaria.

Le disposizione attualmente in vigore semplificano le condizioni per richiedere questa tipologia di ISEE considerata provvisoria.

Nello specifico, basta uno dei seguenti requisiti per compilare la dichiarazione dei redditi corrente:

  • riduzione dell’attività lavorativa familiare (per esempio, perdita del posto di lavoro di un componente)
  • modifica del reddito in una percentuale del 25%
  • perdita di un trattamento elargito dalla Pubblica Amministrazione a favore di un familiare

Con queste novità sull’ISEE corrente - che avrà la durata di 6 mesi dalla presentazione della Dsu - è più agevole diventare beneficiari di sussidi come il Reddito di cittadinanza.

Fino ad oggi, infatti, per la richiesta del RdC si è fatto riferimento all’ISEE dell’anno precedente: dal momento che si tengono in considerazione i redditi percepiti nell’ultimo anno, quindi, alcuni disoccupati di breve periodo non hanno potuto comunque presentare la domanda per il contributo nonostante si trovassero in una condizione economica deficitaria.

Adesso chi si trova improvvisamente nella condizione di disoccupato può avere accesso al sussidio sul reddito anche se l’anno precedente lavorava.

Sarà possibile accedere all’ISEE corrente, inoltre, anche soltanto se un componente familiare perde il lavoro, senza che si modifichi almeno il 25% del reddito.

ISEE ordinario ed effetti sul Reddito di Cittadinanza: ecco le novità

L’introduzione della doppia opzione di calcolo per l’ISEE ordinario consente ad un maggior numero di persone di accedere al Reddito di cittadinanza. Adesso, infatti, il cittadino può scegliere come base di calcolo dell’ISEE ordinario o i due anni o l’anno precedente.

In questo modo le famiglie hanno la possibilità di valutare quale annualità è più conveniente in termini di tassazioni e sussidi.

Chi prima era stato escluso dal Reddito di cittadinanza può essere riammesso e beneficiare del sussidio proprio in virtù della situazione economica, contributiva e lavorativa dell’anno o del bienno precedente.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Reddito di cittadinanza

Condividi questo post:

1 commento

foto profilo

Cristina Ciccarelli • 4 mesi fa

Ho inoltrato una richiesta a fine luglio e sto aspettando l’esito, presso una sede della cgil mi hanno riferito che sarà l’inps ad inviarmi un sms di conferma se la richiesta è stata accettata con tutte le disposizioni da seguire. Mi hanno chiesto le proprietà mobiliari, la presenza di un invalidità certificata e la situazione del mio conto corrente. Ho l’impressione che nel territorio dove ho presentato questa richiesta ci siano molti problemi di burocrazia, sono troppo lenti pertanto significa che c’è qualche ingerenza, le ingerenze sono dei brutti segnali. Mi hanno alleggerito il conto corrente facendomi molte truffe, bollette comprese, sono una cd cliente buoni pagatori che lavora -ora sono disoccupata- dagli inizi degli anni 90 e sono classe 1973 e sono stufa di vedere questa lentezza. Mi danno il vomito.

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.