Recovery Fund: soldi in estate, ma a una condizione. Le ultime novità

Violetta Silvestri

12 Febbraio 2021 - 12:33

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Il Recovery Fund sempre più concreto: oggi è stato firmato il regolamento sui fondi. L’appello dell’UE è stato unanime: gli Stati devono fare presto con i loro piani.

Recovery Fund: soldi in estate, ma a una condizione. Le ultime novità

Recovery Fund: accelera il percorso di definizione del meccanismo per l’erogazione dei fondi europei.

Anzi, il regolamento è ormai definitivo, con la firma odierna del testo, già approvato in Parlamento UE, da parte di Ursula von der Leyen, David Sassoli e il presidente di turno Antonio Costa.

Tutto è pronto per avviare l’imponente struttura del fondo per la ripresa, tanto atteso dai Paesi. I miliardi contro la crisi aspettano solo la ratifica dei piani nazionali per essere erogati.

Bisogna fare presto: questa la condizione per iniziare a elargire le risorse. C’è già una data per i primi soldi del Recovery Fund, ma la von der Leyen ha ammonito i Paesi.

Recovery Fund: risorse pronte, gli Stati no

Il regolamento giuridico del Recovery Fund, che rappresenta la parte più importante del Next Generation EU, ha superato il suo ultimo ostacolo procedurale: i tre presidenti istituzionali europei (della Commissione, del Parlamento e della presidenza di turno) hanno firmato il testo del Recovery and Resilience Facility.

Ora la questione passa ai singoli Stati dai quali tutto dipende, specialmente i tempi di erogazione delle risorse.

Le parole di Ursula von der Leyen sono state chiare:

“tutti e tre, Commissione, Parlamento e Consiglio, chiediamo a tutti gli Stati membri di ratificare la decisione sulle risorse proprie il più rapidamente possibile. L’obiettivo è erogare i primi fondi a metà anno

Si tratterebbe dell’anticipo del 13% delle risorse spettanti al Paese.

Anche Sassoli ha insistito sul punto: “i cittadini e le imprese non possono aspettare, per questo lanciamo un appello ai parlamenti nazionali che possono accelerare e dare subito il via libera al piano, per una ripresa europea, di tutti”

L’auspicio è che marzo sia il mese definitivo per tutte le nazioni, affinché definiscano e approvino i loro progetti di riforme e investimento. In questo modo entro aprile la Commissione avrà tutti i piani e potrà avviare la valutazione.

Solo con questa condizione temporale, i primi fondi potranno arrivare a inizio estate.

I 27 Paesi sono stati avvisati. L’Italia in primis, con Draghi che proverà ad accelerare proprio sul Recovery Fund.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories