Prove orali concorsi pubblici: sono sospese con il nuovo Dpcm?

Isabella Policarpio

05/02/2021

05/02/2021 - 08:50

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Quale destino per chi deve sostenere la prova orale di un concorso pubblico o selezione privata? Le prove preselettive e scritte sono sospese ma quelle orali no. Ecco cosa c’è da sapere.

Prove orali concorsi pubblici: sono sospese con il nuovo Dpcm?

Chi deve sostenere la prova orale per un concorso pubblico a cui ha partecipato in passato potrà farlo, a meno che l’ente promotore non decida diversamente. Infatti nessun Dpcm o decreto legge impone la sospensione delle prove orali, a differenza di quanto stabilito per test preselettivi ed esami scritti in presenza, sia per concorsi pubblici che procedure di selezione private.

A chiarirlo sono le FAQ del governo con le novità del decreto legge del 14 gennaio del Dpcm del 16 gennaio, in vigore fino al 5 marzo 2021.

Le prove orali, tuttavia, devono svolgersi secondo precise regole che assicurino lo svolgimento dell’esame in sicurezza e nel rispetto delle norme anti-Covid. Per questo le prove orali si svolgeranno con numero ristretto e programmato di ingressi, distanza di sicurezza di almeno un metro e mascherina obbligatoria.

Le procedure che richiedono un viaggio interregionale dei candidati sono momentaneamente sospese, a meno che non siano urgenti. Infatti, almeno fino al 15 febbraio, è vietato uscire dalla regione se non per motivi di salute, lavoro e necessità.

Prove orali concorsi pubblici e privati: sono sospese?

Come anticipato, la sospensione che ha travolto concorsi pubblici ed esami di abilitazione fino (almeno) a metà febbraio non riguarda le prove orali, anche se ci sono delle precisazioni da fare.

Per le procedure d’esame orali che comportano la convocazione in presenza in unica sede di candidati provenienti da tutto il Paese, la sospensione non è obbligatoria ma preferibile, in considerazione del divieto di uscire dalla propria Regione fino al 15 febbraio 2021.

Altrimenti le eventuali prove orali in presenza, motivate da ragioni di urgenza, possono svolgersi programmando il numero di candidati in modo da evitare assembramenti e rispettare il distanziamento imposto dai protocolli nazionali.

Questo significa che il calendario delle prove orali andrà scaglionato nel tempo, cosa che potrebbe allungare - e non di poco - l’attesa dei partecipanti.

Prove orali a distanza

Al contrario, non ci sono particolari disposizioni per le prove orali che si svolgeranno a distanza, in videoconferenza. Queste procedono secondo il calendario prestabilito senza subire alcuna modifica da parte del Dpcm in vigore.

Quali concorsi non sono sospesi?

La sospensione delle prove scritte e preselettive (ove presente) non riguarda le procedure rivolte al’assunzione di personale medico-sanitario, gli esami di Stato e di abilitazione all’esercizio della professione di medico chirurgo, i concorsi nelle Forze armate e vigili del fuoco, concorsi per il personale della Protezione civile e le procedure la cui valutazione dei candidati avviene su base curriculare (per titoli) ovvero in modalità telematica.

Invece sono sospese le prove scritte dei concorsi per la Scuola 2020/21 e quelle presso il Ministero della Giustizia.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories