Il petrolio balza e guarda al caos del Kazakistan

Violetta Silvestri

06/01/2022

06/01/2022 - 15:08

condividi

Prezzo del petrolio avanza, spinto dai venti di guerra in Kazakistan e altri fattori che stanno colpendo l’offerta di greggio. Perché le tensioni ai confini con la Russia sono un fattore da osservare.

Il petrolio balza e guarda al caos del Kazakistan

Prezzi del petrolio in aumento: si sta prolungando il rally della sessione precedente, soprattutto a causa dell’escalation dei disordini in Kazakistan e delle interruzioni dell’offerta in Libia.

Il greggio ha concluso il 2021 su basi solide poiché l’introduzione dei vaccini ha aiutato le economie a riaprire, aumentando la domanda di energia e consentendo all’OPEC+ di mantenere i suoi graduali aumenti mensili della produzione.

Ora si stanno accumulando una serie di fattori sul lato del’offerta che supportano i guadagni. Sullo sfondo, inoltre, continua l’allerta Omicron, con la strategia zero-Covid della Cina a minacciare la domanda di oro nero.

Petrolio in corsa per questi motivi

Alle ore 15.07 circa, la quotazione Brent scambia a 82,63 dollari al barile con un rialzo dell’2,26% e i futures WTI sono in aumento dell’2,88% a 80,09 dollari al barile.

Il petrolio, quindi, sta avanzando sulla scia di crescenti timori che il cartello OPEC+ non riesca a fornire abbastanza combustibile richiesto dalla domanda in crescita.

Il gelo in Canada e negli Stati Uniti settentrionali sta interrompendo i flussi di petrolio, causando un’impennata dei prezzi proprio mentre diminuiscono le scorte americane.

Non solo, si guarda con apprensione all’evolversi delle tensioni in Kazakistan, scoppiate per il caro-gas. La Russia ha inviato i paracadutisti nella nazione per aiutare a sedare la rivolta divampata in tutto il Paese. Da sottolineare che lo Stato kazako produce 1,6 milioni di barili di petrolio al giorno e potrebbe trovarsi in difficoltà se la situazione precipita nella violenza.

In più, la produzione di petrolio libico è diminuita di oltre 500.000 barili al giorno a causa della manutenzione degli oleodotti e della chiusura dei giacimenti petroliferi. In Libia, membro dell’OPEC, l’estrazione diminuita di circa il 40% a causa anche dei disordini delle milizie, mentre la Russia non è riuscita a incrementare la produzione il mese scorso.

Pressato da una domanda vista in ripresa e da incognite sull’offerta, il petrolio sta guadagnando.

Previsioni sul greggio: il focus è sull’offerta

JP Morgan ha commentato i recenti sviluppi con questa nota riportata da Reuters:

“Il nostro caso di riferimento ora presuppone che l’alleanza [OPEC] eliminerà completamente i restanti 2,96 milioni di barili al giorno di tagli alla produzione di petrolio entro settembre 2022”

Con i segnali di una domanda che resiste alla variante Omicron, le scorte basse e la crescente vulnerabilità del mercato alle interruzioni dell’offerta, ci sarà necessità di più barili dall’OPEC+ secondo la banca.

JP Morgan prevede che i prezzi del Brent raggiungeranno una media di 88 dollari al barile nel 2022, rispetto ai 70 dollari dell’anno scorso.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Argomenti

# Brent
# WTI

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO