La potenza cinese sta tornando? Luci e ombre negli ultimi dati economici

Violetta Silvestri

30 Giugno 2022 - 08:40

condividi

La Cina osservata speciale nei mercati e dagli analisti economici: la sua trainante potenza a livello globale, infatti, è stata finora offuscata dagli stop per il Covid. Come leggere gli ultimi dati?

La potenza cinese sta tornando? Luci e ombre negli ultimi dati economici

Le azioni in Cina sono sulla buona strada per il più grande guadagno mensile in quasi due anni, poiché gli investitori scommettono che il peggio dello shock economico indotto dai blocchi Covid e dall’estesa repressione del settore tecnologico nel Paese è passato.

Inoltre, l’attività di fabbrica cinese è aumentata per la prima volta in quattro mesi, dopo che le autorità hanno posto fine al lockdown di Shanghai. Secondo i dati del National Bureau of Statistics (NBS), l’indice ufficiale dei responsabili degli acquisti del settore manifatturiero (PMI) è salito a 50,2 a giugno dai 49,6 di maggio, segnando la prima espansione da febbraio.

La potenza economica globale sta tornando? Come leggere davvero gli ultimi dati e perché restano ombre sul rimbalzo del dragone.

La Cina torna a crescere? Il focus sull’economia

L’attività industriale cinese ha registrato un calo di tre mesi a giugno, quando le autorità hanno revocato un rigoroso blocco a Shanghai, sostenendo la crescita della produzione e dei nuovi ordini, mentre è proseguito il rimbalzo nel settore dei servizi.

Sebbene l’attività in Cina stia guadagnando slancio dai lunghi stop per il Covid di aprile e maggio, persistono venti contrari, tra cui un mercato immobiliare ancora debole, una spesa dei consumatori fragile e il timore di eventuali ondate ricorrenti di contagi.

Shanghai, situata nel cuore dell’area di produzione del delta del fiume Yangtze, ha posto fine a un blocco in tutta la città il 1 giugno, consentendo alle piccole fabbriche della regione di riprendere la produzione. Tuttavia, le regole di distanziamento sociale come quelle sui pasti al ristorante erano ancora in vigore per tutto giugno.

Nello specifico, un sottoindice per la produzione si è attestato a 52,8, il valore più alto da marzo 2021, mentre anche i nuovi ordini sono tornati in territorio espansivo per la prima volta in quattro mesi, sebbene la crescita sia rimasta debole.

“Anche se il settore manifatturiero ha continuato a riprendersi questo mese, il 49,3% delle società ha segnalato che gli ordini erano insufficienti”, ha affermato Zhu Hong, statistico senior di NBS. “La domanda del mercato debole è ancora il problema principale che deve affrontare l’industria manifatturiera”.

Dopo due anni di esportazioni record, i produttori cinesi sono alle prese con prezzi elevati delle materie prime, margini di profitto ridotti, concorrenza dei rivali esteri e rallentamento della domanda globale.

Il PMI non manifatturiero ufficiale di giugno è comunque migliorato a 54,7 dal 47,8 di maggio. Il settore dei servizi ha messo in scena un rimbalzo impressionante, il più veloce in 13 mesi, con i settori che sono stati duramente colpiti dalle restrizioni che hanno recuperato terreno con la domanda precedentemente depressa.

Gli analisti affermano che l’obiettivo ufficiale del Pil a +5,5%, per quest’anno sarà difficile da raggiungere senza abbandonare la strategia zero-Covid.

Il premier Li Keqiang ha promesso di raggiungere una crescita economica ragionevole nel secondo trimestre, anche se alcuni economisti del settore privato prevedono che ci sarà una riduzione nel trimestre aprile-giugno rispetto all’anno precedente.

Argomenti

# Borse
# PMI

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.