Politico ultranazionalista entra nel governo israeliano. Il nuovo governo di Netanyahu

Lorenzo Bagnato

28 Novembre 2022 - 09:40

condividi

Ben Gvir, ultranazionalista israeliano, è il nuovo ministro della Sicurezza di Israele, suscitando molte polemiche sul nuovo governo di Benjamin Netanyahu.

Politico ultranazionalista entra nel governo israeliano. Il nuovo governo di Netanyahu

Israele potrebbe avere il governo più stabile degli ultimi quattro anni. Il ritorno di Benjamin Netanyahu dopo le ultime elezioni ha dato il via alla formazione di un nuovo governo, il quinto del Paese in quattro anni.

Benjamin Netanyahu è stato il più longevo Primo ministro in carica di Israele per un totale di 15 anni, 12 dei quali consecutivi. Nel 2018, tuttavia, il suo governo è caduto a seguito di accuse di corruzione, facendo precipitare la nazione mediorientale nel caos.

Il suo successore, il liberale Yair Lapid, tentò la creazione di un governo inclusivo. La Knesset, il parlamento israeliano, ha visto i suoi primi membri arabi e una piccola rappresentanza palestinese.

Lapid, tuttavia, non è mai riuscito a tenere unita la sua coalizione, e ogni governo è andato in pezzi uno dopo l’altro. Ora, Netanyahu è riuscito a tornare con la coalizione più di destra mai vista in Israele. Il Likud (il partito di Netanyahu) ha stretto un’alleanza con Sionismo Religioso di estrema destra, ottenendo 64 seggi alla Knesset su 120.

Sionismo Religioso avrà ora alcuni ministeri importanti, inclusa la nuova carica di ministro della Sicurezza. Mentre proseguono le trattative per le altre posizioni, il ruolo di ministro della Sicurezza è stato assicurato a Ben Gvir, suscitando polemiche.

Netanyahu ha tempo fino all’11 dicembre per formare un governo ufficiale, e solo allora si saprà il numero esatto dei ministeri riservati a Sionismo Religioso.

Chi è Ben Gvir e perché è controverso

Il nuovo ruolo di Ben Gvir come ministro della Sicurezza gli conferisce potere sulla Polizia di frontiera e pattuglierà le rivolte palestinesi in Cisgiordania. Gvir è un ultranazionalista con una storia di violenza contro i palestinesi. Il suo atto più infame è stato impugnare una pistola in un quartiere palestinese chiedendo alla polizia di sparare ai residenti.

La Cisgiordania è la zona occupata della Palestina da parte di Israele, dove i palestinesi vivono sotto il dominio ebraico. Ben Gvir ha sempre approvato apertamente una maggiore militarizzazione della Cisgiordania, e la otterrà con il suo nuovo ruolo.

Durante la campagna elettorale, Ben Gvir ha chiesto l’espulsione dei palestinesi dai territori ebraici, definendoli «traditori».

Dopo le elezioni, tuttavia, Ben Gvir sembra essere diventato più moderato. Secondo le sue stesse parole, ha «maturato» e ha acquisito nuove opinioni. In ogni caso, la sua carriera politica è stata incredibilmente veloce, essendo un outsider con un sostegno a una cifra nelle ultime elezioni.

Inoltre, l’accordo politico tra Netanyahu e Sionismo Religioso prevede la creazione di una legge che consenta di sparare ai ladri a vista. Sionismo Religioso potrebbe anche ottenere il ministero della Difesa, sotto il nome di Bezalel Smotrich, ma i negoziati sono ancora in corso.

Se Netanyahu non riuscirà a formare un governo entro l’11 dicembre, potrà richiedere altri 14 giorni di trattative. Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2022-11-25 17:50:45. Titolo originale: Ultra-Nationalist politician enters Israel government: Netanyahu’s new Rule

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO