Petrolio verso una perdita settimanale di quasi il 10%: cosa significa?

Violetta Silvestri

5 Agosto 2022 - 08:41

condividi

Prezzi del petrolio in focus: Brent e WTI scambiano in lieve rialzo, ma registrano evidenti perdite nella settimana che volge al termine. L’andamento del greggio è il segnale dei venti di recessione.

Petrolio verso una perdita settimanale di quasi il 10%: cosa significa?

Il petrolio si dirige verso una perdita settimanale, sulla base della crescente evidenza che un rallentamento economico globale sta stimolando la distruzione della domanda, con i prezzi che crollano al livello più basso degli ultimi sei mesi.

Il WTI è stato scambiato vicino a $89 al barile in Asia, con il benchmark statunitense in calo di quasi il 10% questa settimana. I dati ufficiali hanno mostrato che il consumo di benzina negli Stati Uniti è diminuito, mentre le scorte di greggio sono aumentate.

Alle ore 8.27 circa, il Brent scambia a 94,62 dollari al barile, in evidente ribasso rispetto ai 102 dollari al barile del 1 agosto. I futures sul WTI prezzano 89,19, lontani dal picco di 96 dollari al barile del 3 agosto. Le quotazioni, comunque, sono rimaste al di sotto della soglia dei 100 dollari per quasi tutta la settimana.

Quali segnali dal prezzo del petrolio in ritirata?

Prezzo del petrolio in calo: è il segnale della recessione?

Dopo l’impennata nei primi cinque mesi dell’anno, il rally del greggio è stato ribaltato, con perdite che si sono aggravate questo mese dopo i cali di giugno e luglio.

Il sell-off, che ha spazzato via i guadagni innescati dall’invasione russa dell’Ucraina, allenterà certamente le pressioni inflazionistiche sull’economia globale, che hanno spinto le banche centrali ad aumentare i tassi.

Il passaggio a una politica monetaria molto più restrittiva ha, però, alimentato la preoccupazione tra gli investitori che la crescita rallenterà, mettendo in pericolo le prospettive per l’utilizzo dell’energia. La Banca d’Inghilterra ha avvertito che il Regno Unito si sta dirigendo verso più di un anno di recessione e la Bce ha messo in chiaro che la guerra in Ucraina sta deteriorando le stime del Pil nell’Eurozona.

Anche la Cina ha mostrato segnali di debolezza, offuscando le prospettive per il consumo di greggio nel primo importatore. Dati recenti hanno evidenziato che l’attività delle fabbriche si è ridotta, mentre China Beige Book International ha avvertito che l’economia si stava deteriorando.

“È una combinazione di dati sulle scorte e un po’ di preoccupazioni per la domanda. Poiché il mercato è più preoccupato per la crescita che per l’inflazione, anche se l’inflazione è ancora un problema importante, il prezzo del petrolio è sceso”, ha affermato Prashant Bhayani, capo degli investimenti funzionario per l’Asia presso BNP Paribas Wealth Management

Il crollo di questa settimana è stato in parte dovuto al fatto che la Libia ha riportato la produzione online dopo un periodo di sconvolgimento, consentendo potenzialmente alle esportazioni del membro dell’OPEC di stabilizzarsi a oltre 1 milione di barili al giorno e allentando la rigidità del mercato.

Intanto, l’OPEC+, che include la Russia, ha concordato un aumento minuscolo dell’offerta collettiva per settembre, avvertendo che la sua capacità inutilizzata era estremamente limitata. L’Arabia Saudita, de facto leader del gruppo, ha alzato a un record i prezzi del petrolio per gli acquirenti in Asia.

Argomenti

# Brent
# WTI

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.