Petrolio, è tracollo: prezzi ai minimi e scenari cupi

Il prezzo del petrolio in caduta libera oggi. Il greggio tocca i minimi e tracolla nello scenario Covid in peggioramento.

Petrolio, è tracollo: prezzi ai minimi e scenari cupi

Il prezzo del petrolio segna nuovi record al ribasso nella giornata di oggi, lunedì 2 novembre.

Le quotazioni hanno registrato un ribasso di quasi il 4%, scosse dalla crescente minaccia della pandemia e dal rischio ormai concreto di nuove e gravi restrizioni imposte in Europa.

In più, pesano anche le incertezze sul voto USA sul quale domani si accendono i riflettori del mondo, mercati, investitori. Il timore di contestazioni e ritardi sui risultati sta aumentano la pressione e il pessimismo, anche per il greggio.

I future sul petrolio Brent e WTI continuano a perdere terreno, rispettivamente del 2,24 % e del 2,68% al momento in cui si scrive.

Il tutto, in una cornice di incertezza anche per le Borse europee, in primis l’indice Ftse Mib italiano.

Prezzo petrolio precipita ai minimi. Dati e scenari

Il petrolio è precipitato al minimo di cinque mesi sulla scia di un’impennata nella produzione di greggio libico e dei rigidi blocchi nei Paesi europei.

I futures sul greggio Brent di gennaio sono scesi di $ 1,49, o 3,9%, a $ 36,45 al barile, mentre i futures US (WTI) hanno evidenziato un ribasso di $ 1,58, o del 4,4%, a $ 34,21 alle ore 8.45 italiane.

Al momento, la quotazione Brent scambia a $ 37,06 e quella WTI a $ 34,73, mantenendosi quindi a un livello nettamente inferiore ai 40 dollari al barile.

La settimana è stata pessima per l’oro nero, che ha evidenziato ribassi di oltre il 10% su entrambe le quotazioni.

I timori per l’indebolimento della domanda e l’incremento dell’offerta da parte dell’OPEC e degli Stati Uniti hanno causato un calo dei prezzi del petrolio per il secondo mese consecutivo in ottobre, con il WTI giù dell’11% e il Brent dell’8,5%.

L’aumento delle forniture dalla Libia e dall’Iraq, membri dell’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio, ha compensato i tagli alla produzione di altri membri dell’OPEC e ha causato un rialzo della produzione del gruppo per il quarto mese in ottobre, secondo Reuters.

L’OPEC e i suoi alleati, inclusa la Russia, stanno tagliando la produzione di circa 7,7 milioni di barili al giorno (bpd) per sostenere i prezzi. Probabilmente nella riunione di dicembre verranno ritardati i piani per aumentare l’attività estrattiva di 2 milioni di barili al giorno da gennaio 2021.

La minaccia del Covid, con conseguenti lockdown nei mercati europei, resta l’ombra più cupa sul prezzo del petrolio.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories