Petrolio: i prezzi potrebbero scendere sotto lo zero?

Con l’incremento dell’offerta e la contrazione della domanda, i prezzi del petrolio (in un’ipotesi realistica, anche se remota) potrebbero spingersi in territorio negativo, ecco perché

Petrolio: i prezzi potrebbero scendere sotto lo zero?

La vera e propria guerra sui prezzi del petrolio tra Arabia Saudita e Russia, unita alla (ormai certa) contrazione dell’economia globale causata dalle misure adottate (e che verranno adottate) per contenere l’espansione dell’epidemia, hanno portato il petrolio WTI ai minimi da oltre 18 anni, a 20,06 dollari al barile.

La combinazione tra il forte incremento di offerta (con Rihad che incrementerà in maniera massiccia la produzione, fino a 12,3 milioni di barili al giorno) unita alla contrazione dell’offerta, potrebbero creare una “bomba atomica” relativa all’eccesso di offerta nel trimestre di giugno: questa è la situazione che si aspetta Rystad Energy.

Petrolio: l’ipotesi di un prezzo negativo

Il problema principale dell’inondazione di petrolio sono i luoghi dove stoccarlo che, come evidenziato in un articolo pubblicato su Oilprice, con la nuova ondata di materia prima in arrivo dall’Arabia potrebbero finire lo spazio. Questo potrebbe mettere in ulteriore difficoltà l’industria petrolifera, che si troverebbe costretta ad interrompere la produzione.

In questo senso, tra numerosi analisti si fa avanti l’ipotesi che il prezzo dell’oro nero possa diventare negativo.

A questo proposito, Adam Vettese, analista di eToro, evidenzia come “secondo alcuni analisti, come Paul Sankey, managing director di Mizuho, il prezzo del greggio potrebbe addirittura scendere sempre di più, fino a diventare negativo. Se l’emergenza coronavirus dovesse aggravarsi, la domanda di greggio potrebbe venire schiacciata e le aziende petrolifere si troverebbero costrette quindi a pagare i clienti pur di liberarsi del greggio in eccesso e dei conseguenti costi di stoccaggio ormai insostenibili. Si tratta di un’ipotesi estrema, eppure quella di Sankey non è una voce fuori dal coro: sempre più analisti stanno avvertendo che il surplus di petrolio potrebbe divenire un grosso problema".

Il prezzo negativo su una materia prima non è una novità, come ricordato in un articolo pubblicato su Bloomberg, nel mercato statunitense del gas naturale si sono registrati valori sotto lo zero, a causa della carenza di spazio nel gasdotto. In quel caso, i produttori hanno pagato altri per prendere la loro merce.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories