Perché l’Europa è più attrattiva degli Usa secondo gli investitori

Violetta Silvestri

24/01/2023

24/01/2023 - 14:34

condividi

Si torna a investire in Europa, ora più attrattiva anche degli Usa: cosa succede? Perché cresce la fiducia verso il vecchio continente e a cosa fare ancora attenzione.

Perché l'Europa è più attrattiva degli Usa secondo gli investitori

L’Europa attrae investitori sulla scia di previsioni economiche migliori del previsto.

Una recessione europea sembrava impossibile da schivare qualche settimana fa, ma il quadro è cambiato radicalmente e i trader hanno iniziato a versare denaro nelle azioni, valute e obbligazioni della regione.

Le temperature calde e gli impianti di stoccaggio del gas ben riforniti significano meno preoccupazioni per interruzioni di corrente e bollette energetiche elevate. Il rilancio dell’economia europea orientata all’esportazione, inoltre, sembra ben supportata anche dalla Cina, che sta riaprendo a ritmo sostenuto dopo i limiti stringenti alle attività.

Investire in asset europei, quindi, sembra la mossa giusta. Quanto davvero è attraente l’Europa e perché gli Usa appaiono svantaggiati? Alcune analisi.

Il momento d’oro dell’Europa: perché puntare sulla regione

I mercati stanno raccogliendo vibrazioni positive sull’Europa. L’euro è pronto per il suo più grande guadagno di tre mesi rispetto al dollaro dal 2011, con un aumento di quasi il 10%.

Le azioni europee sono andate molto meglio delle loro controparti statunitensi. Il benchmark Euro STOXX ha sovraperformato il suo omologo statunitense, l’S&P 500, di oltre 18 punti percentuali da settembre. Morgan Stanley afferma che questa è la sua migliore prestazione contro Wall Street in 20 anni.

I futures sul gas naturale olandese, un punto di riferimento regionale, sono tornati ai livelli precedenti all’invasione russa dell’Ucraina e sono in calo dell’80% rispetto al picco di agosto.

Gli investitori stanno allocando liquidità nelle azioni europee e riducendo l’avversione al rischio a Wall Street, dove l’aumento dei tassi sta martellando titoli tecnologici di valore.

Stephen Isaacs, presidente del comitato per gli investimenti di Alvine Capital, sostiene su Cnbc che il fulcro della rinascita dell’Europa rispetto agli Stati Uniti è stata la diminuzione della paura che i prezzi dell’energia rimanessero alti, o andassero fuori controllo.

Ciò è stato confermato dai recenti dati sui flussi di portafoglio rilasciati dalla banca francese BNP Paribas, che hanno mostrato che con il calo dei prezzi del gas, gli investitori stranieri sono tornati alle azioni della zona euro in ottobre e novembre per la prima volta da febbraio 2022.

Come ha fatto notare Reuters, Roberto Lottici, portfolio manager di Banca Iphigest a Milano, ha recentemente venduto la sua posizione in Amazon per acquistare banche e utilities europee come Intesa, BNP o Santander.

Isaacs ha anche osservato che sebbene la conversazione sui tassi di interesse più elevati di solito si concentri sulle implicazioni negative per la crescita economica, ciò significa anche che i risparmiatori stanno generando reddito.

“Dove troviamo la maggior parte dei risparmiatori in termini generali? Luoghi come la Germania, il nord Europa...,” ha detto. “Il turismo, ancora una volta, è un grande vantaggio per l’Europa, e infine il fatto che i beni europei sono stati sottovalutati per un po’ di tempo.”

Secondo Jordan Rochester, stratega di Nomura FX, l’Europa si sta riprendendo in grande stile. La sua banca si aspetta che l’euro raggiunga $ 1,10 entro la fine di gennaio e $ 1,16 entro la fine dell’anno.

La ripresa dell’economia europea sta inoltre stimolando i flussi nel reddito fisso. Richard McGuire, responsabile della strategia sui tassi di Rabobank, ha affermato che mentre l’impatto dei bassi prezzi dell’energia sui titoli di stato genera molto movimento da più parti... “quando le metti insieme, diremmo che è rialzista”.

Il debito periferico europeo ne ha particolarmente beneficiato. I rendimenti decennali italiani, il punto di riferimento per gli emittenti non core della zona euro, sono scesi di 87 punti base da inizio anno, contro un calo di 49 punti base per le controparti tedesche e di 44 punti base per i rendimenti statunitensi, in controtendenza con i prezzi. Anche il credito aziendale ha avuto un aumento. Un indice attentamente monitorato del credito societario europeo ha visto il suo rendimento diminuire di circa 50 punti base quest’anno.

“Stiamo sicuramente aumentando la nostra esposizione al credito, lo abbiamo fatto principalmente in ottobre e novembre...mercati del credito in Europa stavano scontando una recessione e tu vuoi comprare quando pensi che la recessione sarà abbastanza lieve”, ha affermato David Jahn, responsabile del reddito fisso europeo presso Franklin Templeton.

Perché restare cauti sull’Europa

Gli strateghi azionari europei di BofA pensano che la recente stretta monetaria in Eurozona, la più dura in quattro decenni, porterà a una recessione, che trascinerà le azioni verso il basso.

Lottie di Banca Iphigest ha affermato che “la spada del terrore” della guerra in Ucraina pende ancora sull’Europa. “I bassi prezzi del gas sono certamente positivi, ma il loro rapido declino ci dice anche che possono aumentare altrettanto rapidamente se le cose vanno male. Sto gestendo i miei beni con molta attenzione.”

La prudenza degli investitori, anche i più entusiastici sul rilancio europeo, domina la scena. Troppe vulnerabilità rischiano di essere sottovalutate: la guerra, l’effetto Bce, l’inflazione di fondo, la ricerca di gas non russo.

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO