Perché aumentano le scommesse ribassiste sull’euro

Violetta Silvestri

20 Agosto 2022 - 12:33

condividi

Il sentiment sull’euro rimane piuttosto cupo. Analisti ed esperti restano ribassisti sulla valuta comunitaria, mentre il dollaro ruba la scena nel mercato valutario.

Perché aumentano le scommesse ribassiste sull'euro

La coppia EUR/USD è precipitata la scorsa settimana e viene scambiata di nuovo sull’orlo della parità.

Alimentato dalla preoccupazione per il deterioramento della situazione economica dell’Europa e l’aumento dei rischi geopolitici, l’atteggiamento ribassista degli investitori sull’euro sta ora eclissando i livelli visti nell’ottobre 2020, quando le ricadute del Covid stavano seminando il caos in tutto il mondo, secondo Bank of New York Mellon in un’analisi su Bloomberg.

L’euro è precipitato quest’anno a causa delle ricadute dell’invasione russa dell’Ucraina, che ha contribuito a far salire i prezzi dell’energia e dei generi alimentari, oltre a suscitare preoccupazioni geopolitiche più ampie. Con la siccità aggiunta al mix, l’inflazione è salita alle stelle. Allo stesso modo, tuttavia, problemi di crescita della regione potenzialmente inibiscono la capacità della Banca centrale europea di aumentare i tassi di interesse alla stessa velocità di altri concorrenti globali, smorzando l’appetito degli investitori per le attività nell’Eurozona.

Il dollaro forte oscura l’euro

Occorre sottolineare innanzitutto che l’euro è debole poiché il dollaro è in una fase di rafforzamento.

Il biglietto verde ha beneficiato dell’umore cupo generale, mentre la valuta condivisa è stata messa sotto pressione da dati locali tiepidi, che hanno esacerbato la speculazione che l’Unione sia sulla via della recessione. Il prodotto interno lordo del secondo trimestre è stato rivisto al ribasso allo 0,6% su base trimestrale, da una stima preliminare dello 0,7%. Inoltre, l’indagine tedesca ZEW ha mostrato che il sentiment economico è crollato ad agosto, mentre l’inflazione nell’Ue è stata confermata all’8,9% anno su anno a luglio.

L’ultimo catalizzatore che ha spinto il dollaro in forte rialzo è stato il rilascio dei dati incoraggianti degli Stati Uniti dopo la pubblicazione dei verbali della riunione del FOMC. Il documento indicava che i politici statunitensi intendono continuare ad aumentare i tassi di interesse per raffreddare l’inflazione e stanno cercando di spingere i tassi oltre il territorio neutrale. Inoltre, hanno anche annunciato l’intenzione di raddoppiare il ritmo della contrazione del bilancio.

Stime ribassiste sull’euro

Secondo il sondaggio delle previsioni di FXStreet , la coppia EUR/USD rimarrà sotto pressione nel breve termine per recuperare terreno in una prospettiva di un mese. Tuttavia, in media, la coppia viene scambiata intorno a 1,0150 nel prossimo trimestre, riflettendo in qualche modo l’assenza di interesse all’acquisto intorno alla valuta condivisa.

L’euro è sceso a 99,52 centesimi di dollaro il mese scorso, violando la parità con il biglietto verde per la prima volta in due decenni. E mentre la valuta è leggermente rimbalzata, questa settimana è crollata di oltre il 2% e continua a rimanere appena sopra la soglia di $1, con molti investitori che cercano che scenda al ribasso.

I dati sulla posizione di trading sui futures su materie prime, nel frattempo, mostrano che i fondi con leva sono stati impegnati a costruire posizioni corte nella valuta comune, diventando ancora più ribassisti nella settimana fino al 16 agosto.

Sebbene la propensione allo shorting sull’euro non sia nuova, la misura in cui lo è, secondo Bank of New York Mellon, modella la posizione complessiva e la redditività della valuta sulla base di un’aggregazione di posizioni forward e swap all’interno del proprio database. Il punteggio mostra che gli investitori stanno attualmente detenendo posizioni corte sull’euro contro tutte le valute, inclusi il dollaro, la sterlina britannica e il franco svizzero.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.