Per il vice cancelliere tedesco “non è il momento di riaprire”

Marco Ciotola

7 Aprile 2021 - 22:53

condividi
Facebook
twitter whatsapp

“Non è questo il momento di riaprire e far ripartire l’economia”, afferma il ministro delle Finanze e vice cancelliere tedesco Olaf Scholz

Per il vice cancelliere tedesco “non è il momento di riaprire”

Per il vice cancelliere tedesco, Olaf Scholz, “non è il momento di riaprire”. Dichiarazioni che fanno rumore e che si mostrano in controtendenza con molte delle pressioni in arrivo dall’Europa e non solo per una ripartenza dell’economia, fortemente indebolita dalle restrizioni innescate dal coronavirus.

Ma per Scholz, ministro delle Finanze della Germania, “non è questo il momento di far ripartire l’economia”, visto il persistere di uno stato d’emergenza sanitaria che non lo permette:

“Non è il momento di considerare la piena riapertura dell’economia tedesca, ma piuttosto il momento di essere rigorosi e mantenere bassi i contagi da coronavirus”,

ha affermato nel corso di un’intervista rilasciata alla CNBC.

Per il vice cancelliere tedesco “non è il momento di riaprire”

Scholz, che è vice cancelliere e ministro delle finanze, ritiene che molte delle restrizioni attualmente in vigore sul territorio tedesco debbano restare, ed è tra le figure politiche che chiede non ci sia divisione tra le Regioni nelle linee da adottare in risposta al coronavirus.

Persiste infatti - fa notare - una situazione relativa ai contagi che non permette di valutare ripartenze, e la soluzione momentanea - annuncia - è che “le famiglie più ricche paghino presto più tasse.”:

“Più che per riaprire, questo è il momento per essere molto duri e tenere bassi i contagi”.

L’economia più potente d’Europa ha rallentato quasi del 5% nel 2020 stando ai dati del Fondo monetario internazionale, con una crescita del 3,6%.

Ma sono state crescenti le richieste nel Paese per un approccio più unito nella lotta contro il coronavirus, e per una linea unica nelle restrizioni e le politiche di risposta al virus.

La stessa Angela Merkel ha chiesto un approccio più rigido e uniforme in tutto il paese, ma i leader regionali finora lo hanno impedito.

Ieri la Germania ha toccato quota 2,9 milioni di casi di Covid-19 e 77.103 decessi, stando ai dati del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie.

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO