Pensioni, novità: aumento invalidità e Quota 41 per tutti, la conferma di Salvini

Ospite a Cartabianca (Rai 3), Matteo Salvini ha parlato della possibilità di raddoppiare gli importi della pensione di invalidità e di concedere a tutti di andare in pensione dopo 41 anni di lavoro.

Pensioni, novità: aumento invalidità e Quota 41 per tutti, la conferma di Salvini

La novità pensioni di oggi è senza dubbio l’aumento delle pensioni d’invalidità annunciato dal Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, nel corso del suo intervento televisivo sul programma Cartabianca in onda su Rai 3.

Nonostante le pressioni dell’Unione Europea che chiede all’Italia una riduzione della spesa previdenziale e assistenziale, infatti, il leader della Lega si è detto convinto del fatto che il prossimo obiettivo del Governo possa essere quello di aumentare le pensioni di invalidità.

D’altronde di aumento delle pensioni di invalidità se ne era parlato già con l’introduzione del reddito di cittadinanza, con Di Maio che aveva promesso un incremento degli importi - fino al raggiungimento dei canonici 780,00€ - per coloro che si trovano in una condizione di difficoltà economica. Alla fine le cose sono andate diversamente con la pensione di cittadinanza che si è rivelata una misura totalmente differente da un aumento delle pensioni minime.

A rilanciare questa ipotesi questa volta è Matteo Salvini che sembra aver accolto le insistenti richieste del suo Ministro alla Famiglia e alla Disabilità Alberto Fontana che da tempo chiede interventi mirati in favore degli invalidi. Il prossimo obiettivo del Governo, quindi, potrebbe essere quello di aumentare le indennità di invalidità (qui gli importi aggiornati al 2019); ma ci sono i soldi per farlo?

Salvini: “Aumenteremo le pensioni di invalidità con i soldi degli italiani”

Secondo Matteo Salvini è arrivato il momento di adeguare le pensioni di invalidità, oggi ferme a 278,00€. Il Ministro dell’Interno ne ha parlato durante la trasmissione Cartabianca, durante la quale si è soffermato anche sui ripetuti richiami da parte dell’UE che rischiano di portare all’avvio di una procedura d’infrazione ai nostri danni.

A tal proposito, quando gli viene chiesto con quali soldi intende aumentare le pensioni d’invalidità, Salvini risponde:

Non useremo i soldi europei, ma se mio figlio ha fame io non gli nego il panino. Raddoppiare le pensioni riconosciute agli invalidi costerebbe allo Stato circa 3 miliardi di euro; chiediamo di farlo utilizzando i soldi degli italiani per il benessere degli italiani.

L’Italia quindi non intende chiedere risorse all’Europa; l’unica richiesta sarà quella di permettere all’Italia di utilizzare le risorse a disposizione (ad esempio quelle residue da interventi come Quota 100 e reddito di cittadinanza, per i quali i costi sono stati inferiori alle aspettative) per interventi mirati al benessere dei cittadini.

A tal proposito Salvini ha parlato anche di riforma delle pensioni, “smentendo” anche i nostri dubbi in merito: secondo il vicepremier, infatti, Quota 41 per tutti è un obiettivo raggiungibile.

Riforma delle pensioni: Quota 41 per tutti è un obiettivo

Prima di parlare di Quota 41, Salvini ha chiarito che per alcun motivo Quota 100 verrà toccata. È prevista per tre anni e così sarà.

Per quanto riguarda l’estensione di Quota 41 per tutti i lavoratori Salvini ha confermato che si tratta di un obiettivo del Governo, nonostante sia difficile da raggiungere viste anche le pressioni dell’UE affinché l’Italia abbassi la spesa previdenziale. “Vogliamo mandare le persone in pensione dopo 41 anni di lavoro”, ha dichiarato Salvini, “i soldi si trovano se gli italiani lavorano”.

Con questo non significa che l’Italia vuole aumentare il debito, anzi: l’obiettivo - come confermato da Salvini a Cartabianca, è di “ridurlo” e ci sono tutte le condizioni per farlo. Ecco perché, qualora l’UE dovesse aprire una procedura d’infrazione nei confronti dell’Italiasarebbe una scelta più politica che economica”.

Ma dove troverebbe i soldi il Governo per attuare misure come l’aumento delle pensioni d’invalidità e l’estensione di Quota 41? L’obiettivo è di recuperare risorse tagliando gli sprechi, oltre a rivolgersi ai “grandi evasori” (vedi ad esempio Airbnb).

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Pensione

Condividi questo post:

4 commenti

foto profilo

Jupiter • 3 settimane fa

Sig SALVINI ci sono giovani che aspettano di andare a lavorare faccia quella riforma ci mandi a 41 anni di contributi in pensione faccia lavorare i giovani

foto profilo

LUCIO • 1 mese fa

Sig. Salvini, 41 anni per tutti, ma quando, fra 3 anni? che siamo gia andati in pensione con la Fornero?
aspettiamo impazienti una data

foto profilo

Giuseppe • 1 mese fa

Domanda quota 41 anni di contributi per tutti e chi non riesce ad arrivare tale meta qualè l’età per arrivare alla mitica PENSIONE DIGNITOSA ? 62 anni ( come quota 100 ) 65 ? 67 ( come F. ) 70 anni ?

foto profilo

Gio8814 • 1 mese fa

Spero mantenga la promessa

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.