Pensioni, ultime notizie: “L’Italia deve eliminare Quota 100 e tornare alla Fornero”

L’Ecofin indica all’Italia la strada da seguire sul fronte pensioni: bisogna tornare alle riforme degli anni passati, come quella approvata dalla Fornero. Quota 100, infatti, danneggia i conti pubblici.

Pensioni, ultime notizie: “L'Italia deve eliminare Quota 100 e tornare alla Fornero”

Quota 100 non aiuta i conti pubblici dell’Italia; per questo il nostro Paese dovrebbe fare un “passo indietro” e tornare a quanto stabilito dalla Legge Fornero.

A dirlo è il Consiglio Ecofin (lo stesso che avrebbe dovuto decidere sulla procedura d’infrazione ai danni dell’Italia) il quale ha approvato le raccomandazioni specifiche per Paese di tutti gli Stati membri dell’UE.

Tra le indicazioni per l’Italia ratificate dal Consiglio Economia e Finanza c’è appunto quella riguardante il tema pensioni, con gli Stati membri dell’UE che non concordano sulla strada intrapresa dal Governo Lega-Movimento 5 Stelle negli ultimi anni.

Se da un lato da Roma fanno sapere di voler rispettare gli impegni presi mantenendo Quota 100 almeno fino al 2021 (scadenza fissata dal decreto 4/2019), gli altri Paesi concordano sul fatto che l’Italia debba attuare a pieno le riforme pensionistiche degli anni passati - come appunto quella datata 2011 e firmata dalla Fornero - così da ridurre la spesa previdenziale.

Tra Italia e UE, quindi, continua a non esserci un accordo sul fronte pensioni; parole che non lasciano ben sperare per il futuro perché dopo la tregua che ha portato l’Italia ad evitare la procedura d’infrazione sembra possa riaccendersi lo scontro, con l’Europa che ancora una volta detta la linea da seguire per tenere sotto controllo i conti pubblici.

Ecofin: “L’Italia dica addio a Quota 100, torni alla Fornero”

La marcia indietro rispetto agli interventi dei Governi precedenti peggiorerà la sostenibilità delle finanze pubbliche”. Con queste poche righe l’Ecofin ha bocciato ancora una volta l’ultima riforma delle pensioni attuata dall’Italia, lasciando intendere che se il Governo non tornerà sui propri passi in futuro potrebbe esserci nuovamente lo spettro di una procedura d’infrazione ai nostri danni.

Niente Quota 100 quindi; all’Italia viene chiesto di attuare a pieno le riforme pensionistiche degli anni passati. È necessario, infatti, ridurre il peso delle pensioni così da avere margini per altra spesa sociale e pubblica favorevole alla crescita.

Dichiarazioni che sembrano precludere all’Italia la continuazione del percorso di riforma delle pensioni che - secondo gli intenti di Lega e Movimento 5 Stelle - dovrebbe portare all’estensione di Quota 41 per tutti i lavoratori.

Non conosciamo la posizione dell’Italia in merito alle nuove direttive sul fronte pensioni; al termine dell’Ecofin, infatti, il Ministro dell’Economia Giovanni Tria ha lasciato Bruxelles senza incontrare la stampa e quindi non sappiamo se sul testo approvato dall’Ecofin c’è anche la firma dell’Italia. In tal caso il nostro Paese si impegna a seguire le direttive, contrariamente ancora una volta continueremo per la nostra strada con il rischio però di essere sanzionati dall’UE.

Non solo pensioni: le altre indicazioni per l’Italia

Le indicazioni per l’Italia non si limitano al fronte pensioni: da Bruxelles, ad esempio, è arrivato anche l’invito a realizzare già nel 2020 (quindi con la prossima Legge di Bilancio) un aggiustamento strutturale dello 0,6% del PIL, pari quindi a circa 11 miliardi di euro.

Oltre a questo viene chiesto al nostro Paese di portare a termine le riforme annunciate negli anni scorsi ma ancora in cantiere: ad esempio, l’Ecofin chiede di fare in modo di ridurre, una volta per tutte, i tempi dei processi civili. Inoltre, è necessario migliorare l’efficienza della Pubblica Amministrazione, così come pure rivedere i valori catastali non aggiornati.

Infine, l’UE chiede di tagliare il cuneo fiscale (specialmente sul lavoro) oltre a contrastare l’alto tasso di evasione.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Quota 100

Condividi questo post:

3 commenti

foto profilo

Elio • 1 settimana fa

Mandate all’aria ( per essere educato) questa eu maledetta .E ritornare ad essere ITALIANI.

foto profilo

BEPPE551 • 1 settimana fa

Il popolo italuana non deve essere più vessato da regole di austerità perché negli ultimi trent’anni è stato impoverito più che mai, la fascia media della popolazione italiana è cioè quella che costituiva il «core» della spesa interna non esiste più ; oltremodo con i parametri economici che abbiamo non possiamo fare politica espansiva e tanto meno la faremo se dovessimo ritornare alla Fornero solo per soddisfare i numeri delle regole europee, dietro i quali si nascondono diktat di politiche insensate a colpi di finanza da vecchia logica di egemonia europea. È vero, è anche colpa nostra, per non aver tenuto politicamente sotto controllo la spesa pubblica che, dopo decenni di politica scellerata, oggi ammonta a circa 2400 miliardi di debito pubblico. Ma è anche vero che ad oggi, su questa spesa, abbiamo pagato più di 3000 miliardi di interessi per avere in cambio sempre meno servizi e di pessima qualità. Di qui è necessario stabilire e regolare che, innanzitutto, dalla politica e dalle istituzioni devono essere allontanati soggetti indagati, colpevoli, condannati e corrotti perché inquinano ogni cosa volta a far bene per il nostro Paese e , perché sono da considerare alla stregua di mafiosi. Poi l’atteggiamento politico di chi viene eletto, anche all’opposizione, deve costruttivo, privo di atti di bullismo e litigiosi ma soprattutto completo di «argomenti». Infine, i nuovi eletti in ambito UE, dove si sbandiera il successo dell’asse «franco/tedesco» hanno la grossa responsabilità di mantenere unita la UE, altrimenti sarà un fallimento totale, giusta la grande disparità generata dalla politica economica accentratrice della Germania. Trovassero soluzioni che riportino i Paesi UE ad essere più allineati, facessero gli Eurobond per evitare a tutti i Paesi di pagare costosi interessi (a colpi di spread) sulle necessità del debito pubblico, che, nell’interesse di tutti i partner europei, si continui ad essere uniti. Occorre fare politica espansiva e spesa pubblica e non possiamo essere legati alla logica del debito pubblico, altrimenti saranno trovate altre soluzioni economiche interne che potrebbero via via allontanarci dalla UE e dai suoi fondamentali concetti di unione.

foto profilo

ignis • 1 settimana fa

NON HO PAROLE SU QUESTO ARTICOLO, SOLO SCHIFATO E CHE SIAMO SOLTANTO SUDDITI...ANCORA PERO’ NON HO CAPITO DI CHI

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.