Pensione quota 41, non sempre è la scelta migliore

Pur richiedendo la quota 41 meno anni di contributi rispetto all’anticipata ordinaria, non sempre è la scelta più veloce, vediamo perchè.

Pensione quota 41, non sempre è la scelta migliore

Non sempre per i lavoratori precoci, ovvero coloro che hanno versato almeno 12 mesi di contributi prima di compiere i 19 anni, la via della quota 41 è quella più veloce per il pensionamento, soprattutto se devono accedere come disoccupati e soddisfare il requisito di aver fruito dell’intera Naspi spettante.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Salve sono un lavoratore di 57 anni a ottobre ho iniziato a lavorare a 15 anni quindi dovrei avere 42 anni di contributi. Siccome ho paura che con questi problemi del coronavirus potrebbe anche succedere che la ditta dove lavoro chiuda o mi lasci a casa per altri motivi potrei entrare nella pensione quota 41 per precoci per disoccupazione?”.

Quota 41 o pensione anticipata?

Se la sua ditta dovesse chiudere o procedere ai licenziamenti, ovviamente, lei avrebbe diritto di accedere alla quota 41 in qualità di lavoro precoce disoccupato, ma per farlo dovrebbe non solo attendere di aver fruito di tutta l’indennità di disoccupazione spettante, ma anche la finestra di attesa di 3 mesi dal raggiungimento dei requisiti.

Questo significa che se lavorare ininterrottamente da almeno 4 anni le spetterebbero 24 mesi di Naspi e potrebbe accedere alla pensione non prima di 27 mesi dal licenziamento.

In alternativa, però, potrebbe accedere alla pensione con la misura anticipata prevista dalla legge Fornero che, per gli uomini, richiede 42 anni e 10 mesi di contributi maturati e una finestra di attesa di 3 mesi dal raggiungimento del requisito contributivo.

In questo modo, anche se la sua azienda dovesse chiudere o licenziare, potrebbe fruire della Naspi per il solo periodo che la separa dall’accesso alla pensione anticipata ed essere in pensione, in ogni caso, fra non più di 13 mesi. Stesso tempo di attesa, per il pensionamento, lo ha anche se dovesse continuare a lavorare.

Non sempre, quindi, la quota 41 rappresenta il metodo più veloce di pensionamento per i lavoratori precoci.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories