L’ottimismo di Orcel (UniCredit) su dividendi e recessione

Violetta Silvestri

19 Gennaio 2023 - 11:40

condividi

UniCredit sarà protagonista con i dividendi per gli azionisti nel 2023: ne è convinto Orcel, che lancia note di cauto ottimismo sulla strategica bancaria e sulla recessione in Eurozona.

L'ottimismo di Orcel (UniCredit) su dividendi e recessione

In attesa dei conti trimestrali, UniCredit affronta il nuovo anno con un cauto ottimismo, almeno secondo le ultime dichiarazioni di Orcel.

Parlando nella cornice del World Economic Forum di Davos, l’amministratore delegato della banca ha dato diverse indicazioni su cosa aspettarsi nel 2023 e sulla strategia dell’istituto da lui guidato, con un focus sulla politica dei dividendi.

C’è stato spazio anche per una battuta sul destino di Monte dei Paschi di Siena.

Cosa ha detto Orcel sul futuro di UniCredit e perché i venti sono sentiti come favorevoli.

UniCredit e la politica dividendi: Orcel è ottimista

L’amministratore delegato di UniCredit, Andrea Orcel, ha affermato che gli azionisti possono aspettarsi rendimenti più elevati rispetto agli utili dello scorso anno, poiché l’aumento dei tassi e la semplificazione dell’istituto di credito forniscono vento favorevole.

“All’inizio dell’anno abbiamo indicato che avevamo l’ambizione di essere in linea o superiori al 2021”, ha detto giovedì l’amministratore delegato a Bloomberg Television. “Direi che sui numeri che avevamo ai nove mesi, possiamo essere più alti.”

Da quando Orcel ha preso il timone della seconda banca più grande d’Italia nel 2021, ha apportato cambiamenti, tagliando posti di lavoro in località non strategiche, passando a prodotti più redditizi e attività a basso capitale.

Sta promettendo 16 miliardi di euro di rendimenti attraverso una combinazione di riacquisti e dividendi fino al 2024, uno dei maggiori pagamenti in Europa. La banca, che insieme ai concorrenti sta beneficiando dell’aumento dei tassi di interesse, ha aumentato i ricavi e gli obiettivi di profitto per il 2022 per un secondo trimestre consecutivo a ottobre.

“Data la razionalizzazione che stavamo attraversando dal punto di vista operativo e l’efficienza del capitale, sentivamo che avremmo generato un capitale organico molto significativo”, ha affermato Orcel. “Siamo abbastanza a nostro agio con la capacità di distribuire e continuare a distribuire in modo sostenibile”.

UniCredit ha pagato 3,8 miliardi di euro, di cui 1,2 miliardi di dividendi in contanti e 2,6 miliardi di euro di riacquisto di azioni proprie, sugli utili del 2021.

Monte dei Paschi: si apre uno spiraglio ?

Secondo la notizia riportata da Reuters il 18 gennaio, Andrea Orcel, non ha escluso che la banca italiana possa rivalutare una potenziale acquisizione del Monte dei Paschi di Siena in futuro, dopo che i colloqui erano falliti nel 2021.

L’istituto senese è posseduto al 64% dallo Stato italiano, che alla fine dovrà tagliare la sua partecipazione per far fronte agli impegni di ri-privatizzazione assunti dall’Unione Europea con il piano di salvataggio.

“Penso che il Monte dei Paschi abbia preso una direzione diversa nella sua strategia. Al momento stanno andando da soli. E hanno aumentato il loro capitale, stanno razionalizzando e ristrutturando la banca”, ha detto Orcel in un’intervista alla CNBC.

“Stanno facendo un buon lavoro. Ed è di questo che si tratta. Devono farlo, e poi vedremo”, ha detto quando gli è stato chiesto di un rapporto Reuters secondo cui UniCredit era ancora visto come un potenziale acquirente di Monte dei Paschi, al fianco di Banco BPM.

La recessione secondo Orcel

Dati recenti suggeriscono che la zona euro potrebbe sfidare le probabilità ed evitare una recessione, secondo Andrea Orcel.

“La nostra visione era di una lieve recessione per quest’anno, ma da allora se guardiamo a tutti gli indicatori che vediamo, probabilmente vediamo un rischio al rialzo, quindi stiamo osservando qualcosa che potrebbe anche non essere una recessione”, ha detto alla CNBC durante il World Economic Forum di Davos, in Svizzera.

Le minacce e le incertezze, comunque, non mancano e il numero uno di UniCredit ne è ben consapevole:

“Non sappiamo davvero come si sta delineando la guerra, c’è sempre un ritardo nell’impatto dell’aumento dei tassi e quindi non sappiamo esattamente come il rapido aumento dei tassi avrà un effetto sull’economia e c’è probabilmente uno dei i più grandi cambiamenti nelle catene del valore e nella geopolitica che abbiamo visto dalla seconda guerra mondiale”

Orcel ha riconosciuto che la Bce ha un “lavoro molto difficile” da compiere, poiché cerca di affrontare l’inflazione alzando i tassi, cosa che secondo alcuni economisti danneggerà ulteriormente la crescita.

L’Europa ha un diverso tipo di inflazione da quella negli Stati Uniti, è principalmente guidata dall’offerta di energia, cibo, e quindi quello che stanno cercando di fare per affrontare l’inflazione è bloccare il resto della domanda, ma ovviamente questo ha un impatto sproporzionato sull’economia lontana da quelle materie prime: questa la visione - con una nota di scetticismo - di Orcel.

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.