Opec, l’Arabia Saudita mantiene la presa sulle esportazioni di petrolio. Che succede ora?

Lorenzo Bagnato

22/11/2022

22/11/2022 - 18:04

condividi

L’Arabia Saudita ha rifiutato qualsiasi pretesa di un possibile aumento delle esportazioni di petrolio. Il mondo, tuttavia, potrebbe non averne bisogno.

Opec, l'Arabia Saudita mantiene la presa sulle esportazioni di petrolio. Che succede ora?

Lunedì i prezzi del petrolio sono saliti sulle montagne russe quando durante la giornata sono emersi rapporti contrastanti sull’Opec. All’inizio del pomeriggio, è uscito un rapporto falso che affermava che l’Organizzazione dei Paesi Esportatori di petrolio (Opec) stava pianificando di aumentare la produzione di petrolio.

L’organizzazione, de facto controllata dall’Arabia Saudita, aveva tagliato le esportazioni di petrolio a ottobre, facendo salire i prezzi. La mossa è stata una chiara sfida per gli Stati Uniti, le cui relazioni con il Paese del Golfo si erano deteriorate nel corso degli anni.

È stato anche un occhiolino ai nuovi principali partner dell’Arabia Saudita: Russia e Cina.

Lunedì, tuttavia, il Wall Street Journal ha riferito che l’Arabia Saudita stava considerando di aumentare le esportazioni di petrolio di 500.000 barili al giorno. La decisione sarebbe stata presa nella prossima riunione dell’Opec del 4 dicembre.

Ciò ha fatto precipitare i prezzi del petrolio di $5 al barile a $83. I futures sul petrolio hanno raggiunto i livelli più bassi da gennaio a $78,39 per dicembre (Wti). Sembrava quasi che si potesse raggiungere il contango level, dove gli attuali prezzi del petrolio sono inferiori ai futuri contratti già stabiliti.

Dopo solo un paio d’ore, tuttavia, l’agenzia di stampa dell’Arabia Saudita ha negato tali affermazioni. «È risaputo, e non è un segreto, che l’Opec+ non discute alcuna decisione prima delle sue riunioni», ha detto il principe Abdulaziz bin Salman. «L’attuale taglio di 2 milioni di barili al giorno da parte dell’Opec+ continua fino alla fine del 2023 e se è necessario adottare ulteriori misure riducendo la produzione per bilanciare domanda e offerta, rimaniamo sempre pronti a intervenire».

Cosa riserverà il futuro

In effetti, l’Arabia Saudita potrebbe non aver bisogno di aumentare le esportazioni. La Cina, il principale partner e importatore di petrolio dell’Arabia Saudita, ha recentemente riportato la prima morte per Covid da maggio. Ciò probabilmente scatenerà una nuova ondata di rigide restrizioni Covid, riducendo ulteriormente sia le importazioni che le esportazioni.

Inoltre, il G7 ha recentemente concordato un price cap sui prezzi del petrolio. Anche se potrebbe non essere così potente come sembra, avrà sicuramente un effetto sulle decisioni dell’Opec. Il limite di prezzo è rivolto solo al petrolio russo, ma include anche venditori di terze parti.

Ciò significa che Paesi come l’India, la Cina o persino l’Arabia Saudita non possono acquistare petrolio russo a un prezzo basso e venderlo a un prezzo più alto.

Alla luce di tutti questi sviluppi, Goldman Sachs ha abbassato le previsioni del quarto trimestre a $100 al barile, $10 in meno rispetto alle previsioni precedenti.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2022-11-21 19:39:17. Titolo originale: OPEC, Saudi Arabia to keep tight grip on Oil Exports. What happens now?

Argomenti

# OPEC

Iscriviti a Money.it