L’OPA di Xerox su HP è diventata ostile

Il CEO di Xerox vuole proporre l’offerta da 33.5 miliardi direttamente agli azionisti di HP

L'OPA di Xerox su HP è diventata ostile

Il CEO di Xerox, John Visentin, ha annunciato l’intenzione di rivolgersi direttamente agli azionisti di HP, rendendo l’OPA sul produttore di personal computer di fatto ostile. La Holding aveva messo sul piatto 33,5 miliardi di dollari - offerta che il Cda dell’azienda aveva rifiutato.

L’OPA di Xerox su HP diventa ostile

Xerox ha fatto la sua dichiarazione martedì 26 Novembre, poco prima che HP annunciasse la sua proiezione rialzista per il prossimo anno fiscale.

L’azienda di PC e stampanti, che nei giorni scorsi ha rifiutato di aprire i libri a Xerox, ha riportato una crescita nei ricavi dello 0,3% nell’ultimo quarto. In conclusione dell’anno fiscale, le vendite sono avanzate soltanto dello 0,5%.

Tuttavia i ricavi si sono attestati a $15.4 miliardi, dunque oltre le aspettative, con una crescita di quasi il 2% su una base di valuta costante. Anche la proiezione sull’EPS è superiore alle attese ($2.24-$2.32 contro i $2.23 degli analisti). Le azioni hanno guadagnato oltre l’1% negli scambi after-hours, fornendo ad HP un margine contro l’offerta di Xerox da 22 dollari ad azione.

La società ha lasciato una porta aperta al ribaltamento della situazione e dunque ad acquisire Xerox, che è molto più piccola di HP. Xerox ha minacciato la scorsa settimana una scalata ostile se il rivale fosse rifiutato di avviare i colloqui per il merger.

Il CEO di Xerox non si scusa per tattiche aggressive

“Anche se non apprezzate le nostre tattiche ‘aggressive’, noi non ci scuseremo”, ha scritto oggi Visentin in una lettera. “Il modo più efficiente di provare lo scopo di questa opportunità con certezza è attraverso la mutua due diligence, che voi continuate a rifiutare e che noi siamo obbligati a richiedere”.

“Vogliamo coinvolgere direttamente gli azionisti di HP per invitarli a convincere il board di HP a fare la cosa giusta e perseguire questa irresistibile opportunità”, ha aggiunto.

L’investitore Carl Icahn, che possiede una quota del 10,6% di Xerox e di recente ha acquistato una quota da $1.2 miliardi di HP, è stato uno dei maggiori supporter dell’operazione.

HP è molto scettica sulla capacità di Xerox di finanziare l’accordo, dato che la seconda ha un terzo del valore azionario della prima.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su HP

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

\ \