Boom Omicron 5: ecco le 6 regole per evitare il contagio. «È iniziata l’ondata estiva».

Emiliana Costa

18 Giugno 2022 - 10:56

condividi

In Italia il virus ha ripreso a correre trainato dalla contagiosissima Omicron 5 e si inizia a parlare di ondata estiva. Ecco le 6 regole per evitare il contagio.

Boom Omicron 5: ecco le 6 regole per evitare il contagio. «È iniziata l'ondata estiva».

In Italia il virus ha ripreso a correre trainato dalla contagiosissima Omicron 5, il cui grado di trasmissibilità è superiore a quello di morbillo e varicella. Nel bollettino di ieri, venerdì 17 giugno, i nuovi casi nelle 24 ore sono stati 35.427 a fronte di 185.819 tamponi eseguiti, con il tasso di positività che è schizzato al 19%. Le vittime sono 41. Continuano a crescere i ricoveri nei reparti ordinari. E tra gli esperti si inizia a parlare di ondata estiva.

Intanto, però, procede la road map degli allentamenti. Dal 16 giugno stop all’obbligo vaccinale per over 50, personale scolastico e forze dell’ordine. Non solo. Addio alle mascherine al chiuso, ad eccezione di mezzi di trasporto (tranne gli aerei), ospedali e Rsa.

Ma allora come proteggerci da un eventuale contagio? In un’intervista al Corriere della Sera, Stefania Salmaso, epidemiologa dell’Associazione italiana epidemiologia, ha elencato i 6 consigli pratici per fronteggiare il rischio infezione e salvare le vacanze. Entriamo nel dettaglio.

Omicron 5, i 6 consigli per evitare il contagio e salvare l’estate

In Italia, il virus ha ripreso a correre trainato dalla nuova sottovariante Omicron 5. Dagli ultimi dati è emerso che nel nostro paese Omicron è dominante al 100% e BA.5 è schizzata al 23%. Quest’ultima ha un R0 vicino al 20 ed è dunque più trasmissibile di morbillo e varicella che hanno un valore intorno al 18.

Nonostante la crescita delle curve epidemiologiche, da qualche giorno abbiamo detto addio alle mascherine in quasi tutti i contesti della vita sociale, tranne sui mezzi di trasporto (ad eccezione degli aerei dove non è più obbligatoria), negli ospedali e nelle Rsa. E allora come difendersi dal possibile contagio? In un’intervista al Corriere della Sera, Stefania Salmaso, epidemiologa dell’Associazione italiana epidemiologia, ha elencato i 6 consigli pratici per fronteggiare il rischio infezione e salvare le vacanze.

  • Indossare la mascherina. Dopo un periodo di decrescita delle curve epidemiologiche, stiamo assistendo a un nuovo aumento trainato da BA.5. Ecco cosa consiglia l’esperta: «Opportuno continuare ad adottare alcune cautele per ridurre il rischio di contagio, specie la mascherina».
  • Indossare la mascherina all’aperto in condizione di assembramento. Se all’aria aperta diminuisce il rischio di contagio, in condizioni di assembramento le possibilità di infettarsi tornano ad aumentare. «In condizioni di assembramento con tante persone valutiamo l’uso della mascherina. In Italia ci sono 600 mila persone notificate come positive, ma dato che ormai molte infezioni sono diagnosticate con test fai da te è verosimile che il numero reale sia molto maggiore e che la probabilità di venire a contatto con un individuo infetto non è affatto trascurabile».
  • Mascherine al chiuso. «È ancora da prendere in seria considerazione - spiega Salmaso - la buona abitudine di indossare la mascherina anche se non più obbligatoria negli ambienti chiusi. Ovviamente va valutato il contesto in cui ci troviamo». Consigliato l’utilizzo delle Ffp2.
  • Attenzione ad abbracci e baci. Il consiglio dell’esperta: «Siamo in piena stagione di festeggiamenti ormai rimandati da due anni. Matrimoni e compleanni portano a baciarsi e abbracciarsi. Difficile dare una regola per limitare le nostre emozioni. Ricordiamo però che il rischio non è mai uguale a zero e aumenta in proporzione al numero di invitati presenti».
  • Aria condizionata. Il condizionatore favorisce la diffusione di Omicron? «Dipende dal tipo di impianto e dalla sua manutenzione. La presenza di filtri e il continuo ricambio di aria diminuiscono la probabilità di trasmissione al chiuso però sono anche fattori di disturbo per la circolazione di aerosol che può essere trasportato a distanza. Se c’è una persona infetta l’aria condizionata può facilitare il contagio».
  • Mascherina in aereo. Il dispositivo non è più obbligatorio, ma che fare? «In aereo indossare la mascherina è una sicurezza. Le persone positive non sempre raccolgono la raccomandazione di non viaggiare».

La situazione epidemiologica in Italia

Nel bollettino di ieri, venerdì 17 giugno, i nuovi casi positivi nelle 24 ore sono stati 35.427 a fronte di 185.819 tamponi effettuati, con un tasso di positività che schizza al 19%. Le vittime sono invece 41. In aumento i ricoveri ordinari.

Argomenti

Iscriviti a Money.it