Omicron 5: «È iniziata l’ondata estiva». Impennata di contagi, ecco cosa accadrà tra luglio e agosto

Emiliana Costa

16 Giugno 2022 - 18:02

condividi

Omicron 5: «È iniziata l’ondata estiva». Ad affermarlo, il sottosegretario alla Salute Sileri che parla di una pandemia non ancora finita. Vacanze a rischio? Entriamo nel dettaglio.

Omicron 5: «È iniziata l'ondata estiva». Impennata di contagi, ecco cosa accadrà tra luglio e agosto

Omicron 5: «È iniziata l’ondata estiva». Ad affermarlo, il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri che parla di una pandemia non ancora finita e di una curva in crescita. A trainare la nuova impennata di contagi, la nuova sottovariante Omicron 5, che con un R0 intorno al 20, ha un grado di contagiosità superiore a morbillo e varicella. Si tratterebbe del virus più trasmissibile al mondo.

Nonostante le temperature decisamente estive, nel bollettino di oggi i nuovi positivi e le vittime sono in aumento. I contagi da Covid-19 nelle 24 ore sono stati 36.573, ieri erano 31.885. Con un tasso di positività schizzato quasi al 19%. Le vittime sono invece 64, in aumento rispetto alle 48 di ieri. Che estate sarà dunque? Omicron 5 mette a rischio le vacanze? Entriamo nel dettaglio.

Allarme Omicron 5: «Iniziata l’ondata estiva»

«La pandemia di Covid non è finita». Ad affermarlo, il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri che parla di una curva in crescita: «Un’ondata estiva che credo sarà anche autolimitante, già iniziata in altri paesi europei e ora anche in Italia». Ma Sileri invita i cittadini a non allarmarsi e rassicura: «Questa nuova ondata non va vista né con paura né con ossessione». Il sottosegretario ha spiegato che Omicron 5 è una variante più contagiosa ma che non sta creando problemi agli ospedali.

Intanto, però, la Fondazione Gimbe lancia un’allerta, parlando di un trend in crescita: «Casi e decessi sono in aumento, senza lo scudo della terza dose rimangono in 5,4 milioni». Dall’ultimo monitoraggio emerge dunque una situazione più critica, soprattutto a causa delle mancate vaccinazioni.

Restano valide dunque le regole di distanziamento sociale e di buon senso. Conclude il sottosegretario Sileri: «In ogni caso, dovremo capire a settembre e ottobre cosa fare anche in relazione ai vaccini che avremo a disposizione».

La situazione epidemiologica in Italia

Secondo il bollettino di oggi, giovedì 16 giugno 2022, sono 36.573 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore. Ieri erano stati 31.885. I decessi sono invece 64, in aumento rispetto ai 48 di ieri. Il totale dei tampono eseguiti (tra antigenici e molecolari) è di 194.676, con un tasso di positività al 18,7%. Sono 192 i pazienti ricoverati in area critica, 3 in più di ieri. Gli ingressi nelle 24 ore sono 20. I ricoverati nei reparti ordinari sono 4.303, 85 in più di ieri.

Gli attualmente positivi sono 600.781. Nel complesso sono 17.773.764 gli italiani contagiati dall’inizio della pandemia, mentre le vittime salgono a 167.617. I dimessi e i guariti sono 17.005.366, con un aumento di 40.108.

Argomenti

Iscriviti a Money.it