Allarme Omicron 4 in Italia, ecco i sintomi per riconoscerla: quanto è contagiosa e letale

Emiliana Costa

30/04/2022

30/04/2022 - 12:01

condividi

Omicron 4 è stata scoperta presso il laboratorio di Microbiologia dell’ospedale San Gerardo di Monza. Ecco quanto è contagiosa e letale.

Allarme Omicron 4 in Italia, ecco i sintomi per riconoscerla: quanto è contagiosa e letale

Allarme Omicron 4, la nuova sottovariante è stata sequenziata in Italia. La scoperta è avvenuta presso il laboratorio di Microbiologia dell’ospedale San Gerardo di Monza. Al momento, la variante BA.4 del Sars-Cov-2, nuova sottovariante di Omicron, è al vaglio dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

Omicron 4 è stata sequenziata per la prima volta in Italia ieri, venerdì 29 aprile. A riferirlo lo stesso ospedale, sottolineando che il laboratorio diretto da Annalisa Cavallero - che porta avanti ogni giorno il lavoro di genotipizzazione del virus - è all’interno della rete lombarda e italiana dei laboratori che si occupano di identificazione e isolamento delle varianti.

Ma cosa sappiamo di questa nuova variante di Omicron? Quanto può essere contagiosa e letale? Entriamo nel dettaglio.

Allarme Omicron 4, ecco quanto è contagiosa e letale

Allarme Omicron 4, la nuova sottovariante Omicron è stata isolata per la prima volta in Italia a Monza. Il sequenziamento è avvenuto presso il laboratorio di Microbiologia dell’ospedale San Gerardo. Ad annunciarlo, lo stesso istituto che ha ricordato come il laboratorio diretto da Annalisa Cavallero porti avanti quotidianamente il lavoro di genotipizzazione del virus. L’istituto infatti fa parte della rete lombarda e italiana dei laboratori che si occupano di identificazione e isolamento delle varianti.

«Trovare con rapidità varianti è fondamentale per improntare al meglio le cure - ha spiegato il direttore generale della Asst Monza, Silvano Casazza -. In questa particolare circostanza sono orgoglioso del lavoro svolto dal nostro laboratorio, tra i primi in Italia per qualità». Complimenti anche dalla vicepresidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia Letizia Moratti: «Mi complimento con il laboratorio di Microbiologia dell’Ospedale San Gerardo di Monza, una vera eccellenza della ricerca e che conferma la vigilanza attenta e massima che Regione Lombardia mantiene sul Covid-19».

Al momento non si hanno informazioni precise sulla contagiosità e letalità della sottovariante. Il nuovo lignaggio potrebbe avere caratteristiche e sintomi simili alla «sorella» Omicron. In un’intervista a Money.it Matteo Bassetti, direttore della Clinica di malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova, parlando delle nuove sottovarianti ha spiegato: «Le varianti ci saranno sempre, fa parte dell’evoluzione naturale di un virus. Non dobbiamo sorprenderci e c’erano anche prima che arrivasse il Covid. L’importante è che la variante non diventi resistente ai vaccini o più letale. Al momento, sono tutte coperte dalle vaccinazioni, nessuna si è rivelata più grave. Sono più contagiose, ma si tratta della normale evoluzione dei virus».

La situazione epidemiologica in Italia

Secondo il bollettino di ieri, venerdì 29 aprile, i nuovi positivi registrati nelle 24 ore sono stati 58.861 su 381.239 tamponi, per un tasso di positività del 15,5%. Le vittime sono 133 contro le 131 del giorno prima. In lieve calo gli attualmente positivi, così come i ricoveri e le terapie intensive.

Argomenti

Iscriviti a Money.it