Nuovi guai per l’Europa: Gazprom chiude Nord Stream 1

Violetta Silvestri

20/08/2022

20/08/2022 - 10:08

condividi

Stop al gas russo del Nord Stream 1 per 3 giorni: lo ha annunciato Gazprom, mettendo nei guai, di nuovo, l’Europa e soprattutto la Germania. Non si ferma la guerra energetica e i prezzi salgono.

Nuovi guai per l'Europa: Gazprom chiude Nord Stream 1

La Russia interromperà le forniture di gas naturale all’Europa per tre giorni alla fine del mese attraverso il suo gasdotto principale nella regione, ha dichiarato venerdì il colosso energetico statale Gazprom.

Aumenta, quindi, la pressione per i Paesi europei, mentre cercano di fare rifornimento prima dell’inverno.

La manutenzione non programmata del gasdotto Nord Stream 1, che corre sotto il Mar Baltico verso la Germania, aggrava lo stallo energetico tra Mosca e Bruxelles, che ha già contribuito a far crescere l’inflazione nella regione e ha aumentato il rischio di razionamento e recessione.

Stop al gas russo per tre giorni: cosa succede in Europa

I futures sui benchmark europei sono saliti fino al 9% dopo che il produttore russo ha dichiarato, venerdì 19 agosto, che non spedirà gas in Germania tramite il gasdotto Nord Stream dal 31 agosto al 2 settembre a causa di manutenzione.

Il mercato europeo del gas è in bilico da mesi poiché la Russia ha progressivamente ridotto le consegne attraverso il gasdotto, l’ultima volta ad appena il 20% della capacità. Secondo i dati Bruegel, al 16 agosto le importazioni europee tramite il Nord Stream sono ai minimi e sono scivolate di molto rispetto a inizio anno. Il grafico lo mostra, con i livelli del 2022 che sono precipitati rispetto ai massimi e al 2021:

Flussi gas tramite Nord Stream Flussi gas tramite Nord Stream Flussi da Nord Stream rispetto ai livelli minimi, massimi e al 2021

Gazprom ha citato problemi con le turbine, ma i politici europei insistono sul fatto che gli arresti sono motivati ​​politicamente poiché la Russia vuole vendicarsi contro le sanzioni imposte dopo aver invaso l’Ucraina. La prossima manutenzione sarà effettuata con Siemens Energy, che ha realizzato le turbine e ha contratti di servizio con Gazprom, secondo la dichiarazione.

“Al completamento dei lavori e in assenza di malfunzionamenti tecnici dell’unità, il trasporto del gas verrà ripristinato al livello di 33 milioni di metri cubi al giorno”, ha affermato Gazprom. Ciò equivale al 20% della capacità in vigore ora. Il gasdotto può trasportare circa 167 milioni di metri cubi al giorno.

Lo stop avverrà proprio mentre la Germania si affretta a riempire i siti di stoccaggio fino ad almeno il 95% della capacità entro novembre. L’operatore del sistema di trasporto del gas dell’Ucraina ha affermato che il sistema di gasdotti polacco ha la capacità di compensare l’arresto del Nord Stream e consentire al gas russo di raggiungere l’Europa. Per la regione, però, la tensione energetica rimane molto alta.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.