Musk ora rivuole Twitter, ma per le banche Usa può essere un problema

Violetta Silvestri

5 Ottobre 2022 - 12:36

condividi

La saga dell’acquisto di Twitter da parte di Musk torna sotto i riflettori: il miliardario di Tesla ci ha ripensato, il deal si farà? Intanto, l’affare potrebbe essere un problema per le big bank.

Musk ora rivuole Twitter, ma per le banche Usa può essere un problema

Elon Musk si è offerto di acquistare Twitter per il prezzo inizialmente concordato di $44 miliardi, in una mossa che potrebbe porre fine a una delle battaglie legali aziendali di più alto profilo degli ultimi decenni.

Il capo di Tesla ha inviato una lettera al social network lunedì sera, offrendosi di portare avanti l’accordo, meno di due settimane prima che le parti fossero convocate presso la Delaware Chancery Court.

Secondo un deposito normativo di martedì, gli avvocati di Musk hanno affermato nella lettera che l’imprenditore intendeva chiudere l’accordo al prezzo precedentemente concordato di $54,20 per azione, una volta ricevuto il finanziamento del debito, a condizione che il tribunale interrompesse l’azione legale e aggiornasse il processo imminente e i relativi procedimenti.

La transazione più chiacchierata a Wall Street si farà? Intanto, le grandi banche coinvolte nell’affare tremano. I motivi.

Musk ci ripensa e compra Twitter?

In un non sorprendente colpo di scena, considerando la personalità di Musk, il miliardario si è fatto nuovamente avanti con l’intenzione di mandare a buon fine l’acquisto di Twitter. L’affare aveva preso la piega di una vera e propria saga

L’amministratore delegato di Tesla aveva inizialmente accettato ad aprile di rilevare Twitter per $54,20 ad azione. Pochi mesi dopo, a luglio, ha affermato che intendeva ritirarsi dall’accordo, adducendo la preoccupazione che la società avesse fuorviato le autorità di regolamentazione e gli investitori sul numero di account falsi sulla sua piattaforma.

Twitter ha citato in giudizio Musk per completare l’accordo, sostenendo che il suo tentativo di ritirarsi era motivato dalla protezione dei suoi interessi finanziari durante una flessione dei titoli tecnologici piuttosto che da qualsiasi preoccupazione valida sui numeri di conto. Il processo doveva iniziare il 17 ottobre.

Ora il miliardario ha riavviato il deal. In attesa di capire come si evolverà l’operazione più chiacchierata a Wall Street, le banche coinvolte nella transazione sembrano preoccupate.

Perché le banche di Wall Street sono in allerta

L’inversione di marcia di Elon Musk sull’acquisto di Twitter, infatti, non sarebbe potuta arrivare in un momento peggiore per le banche che finanziavano gran parte dell’operazione da 44 miliardi di dollari e potrebbero subire perdite significative.

Come in ogni grande acquisizione, le banche dovrebbero cercare di vendere il debito per toglierlo dai loro libri contabili. Tuttavia, gli investitori hanno perso attrattiva per il debito rischioso come i prestiti con leva finanziaria, spaventati dai rapidi aumenti dei tassi di interesse in tutto il mondo, dai timori di recessione e dalla volatilità del mercato guidati dall’invasione russa dell’Ucraina.

Mentre Musk fornirà gran parte dei $44 miliardi vendendo la sua partecipazione nel produttore di veicoli elettrici Tesla e appoggiandosi al finanziamento di azioni di grandi investitori, le principali banche si sono impegnate a fornire $12,5 miliardi. Queste includono Morgan Stanley, Bank of America Corp e Barclays. Fanno parte del sindacato anche Mitsubishi UFJ Financial Group, BNP Pariba, Mizuho Financial Group e Société Générale.

Notando altre recenti perdite di alto profilo per gli istituti di credito nel finanziamento con leva, più di 10 banchieri e analisti del settore hanno commentato a Reuters che le prospettive erano cupe per le banche che cercano di vendere il debito.

Il pacchetto di debiti di Twitter comprende 6,5 miliardi di dollari in prestiti con leva, 3 miliardi di dollari in obbligazioni garantite e altri 3 miliardi di dollari in obbligazioni non garantite. “Dal punto di vista delle banche, questo è tutt’altro che ideale”, ha affermato l’analista di Wedbush Securities Dan Ives.

Fonti di finanziamento con leva hanno evidenziato in precedenza a Reuters che le potenziali perdite per le banche di Wall Street coinvolte nel debito di Twitter in un mercato del genere potrebbero arrivare a centinaia di milioni di dollari.

Argomenti

# Banche

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO