Le mosse vincenti di Tesla nel 2021: perché Musk non ha rivali

Violetta Silvestri

4 Gennaio 2022 - 15:36

condividi

Tesla ha superato gli ostacoli della catena di approvvigionamento e della carenza di chip nel 2021: come ha fatto? Quali sono stati i punti di forza di Musk e perché potrebbe non avere rivali.

Le mosse vincenti di Tesla nel 2021: perché Musk non ha rivali

Tesla sempre in prima linea quando si parla di bilanci: come ha fatto Musk a superare gli intoppi dei colli di bottiglia e della mancanza di semiconduttori?

Secondo un’analisi di Reuters c’è stata una strategia vincente, con alcune mosse che hanno dato il vantaggio competitivo necessario all’azienda in un anno assai complesso per l’economia globale.

Tesla ha aumentato le sue consegne dell’87% a un livello record nel 2021, facendo salire le sue azioni di oltre il 13% nel solo giorno di scambi di lunedì 3 gennaio.

Musk è davvero più forte dei suoi rivali nel settore? Un’analisi.

La gestione di Musk della carenza di chip

Per semplificare la costruzione dei veicoli in carenza di alcune componenti chiave, Tesla lasciato che i clienti prendessero in consegna l’auto con alcune parti mancanti, come chip Bluetooth e porte USB.

Inoltre, sono state rimosse alcune funzionalità come i sensori radar e il supporto lombare per i sedili dei passeggeri anteriori, il che ha reso l’auto meno complicata da costruire.

Per far fronte ai costi più elevati, i prezzi sono anche aumentati e i consumatori americani devono aspettare sette mesi se ordinano una versione Model Y, che ha un rincaro del 18% rispetto all’anno scorso.

Infine, Elon Musk, ha affermato che Tesla è stata anche in grado di utilizzare chip alternativi in sostituzione di quelli che scarseggiavano.

Il CEO di Volkswagen Herbert Diess ha affermato che la capacità di Tesla di riscrivere il software per supportare i nuovi chip in 2-3 settimane è stata impressionante.

Tesla è un’azienda integrata

Un punto di forza di Tesla è senz’altro la capacità di progettare hardware e scrivere software molto di più dei suoi rivali, che si affidano invece agli sforzi dei fornitori di auto.

Gli ingegneri interni progettano la maggior parte del complesso software che gestisce i veicoli Tesla, che Musk ha descritto come un “computer su ruote”. Non solo, anche i chip utilizzati nei suoi sistemi di assistenza alla guida sono elaborati all’interno così come la realizzazione di parti che vanno dai sedili alle celle della batteria.

Perché Tesla ha avuto più semiconduttori

Infine, la gestione degli ordini di chip è stata cruciale. Nel 2020, molte case automobilistiche hanno tagliato le richieste di semiconduttori poiché la pandemia e le misure di blocco hanno colpito la domanda.

Tuttavia Tesla non ha mai ridotto le sue previsioni di produzione con i fornitori, poiché si aspettava una rapida crescita, che l’ha aiutata a superare la carenza di chip, secondo il chief financial officer di Tesla Zach Kirkhorn.

In più, i legami diretti dell’azienda di Musk con i fornitori di chip hanno permesso di muoversi più velocemente rispetto alle tradizionali case automobilistiche, che si affidano a fornitori di primo livello che hanno rapporti con i produttori di semiconduttori.

La somma di tutti questi fattori ha trainato Tesla in tutto il 2021. Si può dunque azzardare che nel settore veicoli elettrici Musk sta seminando i suoi rivali. Cosa accadrà nel 2022?

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Argomenti

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.