Meta (Facebook) tra i peggiori titoli dell’S&P 500: disfatta per Zuckerberg?

Violetta Silvestri

1 Ottobre 2022 - 12:40

condividi

Le azioni Facebook sono in calo e l’orizzonte per Meta non è tra i più rosei: scommettere sul titolo o disfarsene? Sfide e difficoltà del colosso social secondo gli analisti.

Meta (Facebook) tra i peggiori titoli dell'S&P 500: disfatta per Zuckerberg?

Facebook nel mirino degli analisti: prima che la società si trasformasse in Meta vantava una capitalizzazione di mercato di $1.000 miliardi, posizionandola tra i pochi giganti della tecnologia statunitensi.

Oggi Meta ha perso circa due terzi del suo valore dal picco di settembre 2021. Il titolo è scambiato al minimo da gennaio 2019 e sta per chiudere il suo terzo trimestre consecutivo di perdite percentuali a due cifre. Solo quattro titoli dell ’S&P 500 stanno vivendo un anno peggiore.

Gli analisti sottolineano che i problemi dell’azienda stanno aumentando, indipendentemente dal fatto che si tratti della pubblicità delle modifiche iOS di Apple o della crescente minaccia rappresentata da TikTok. Cosa significa per le azioni Facebook?

Cosa succede a Facebook e perché sta crollando

Stando ad alcune osservazioni da Wall Street, espresse in un’analisi di Cnbc, il problema di per Facebook è che non rappresenta più una storia di crescita.

L’anno più lento per l’aumento dei ricavi dell’azienda è stato il 2020, colpito dalla pandemia, quando comunque era ancora cresciuto del 22%. Gli analisti quest’anno prevedono un calo delle entrate.

Il numero di utenti attivi giornalieri negli Stati Uniti e in Canada è diminuito negli ultimi due anni, da 198 milioni a metà del 2020 a 197 milioni nel secondo trimestre di quest’anno. A livello globale, il numero di utenti è aumentato di circa il 10% in quel periodo e si prevede che crescerà del 3% all’anno fino al 2024, secondo le stime di FactSet.

La crescita delle vendite dovrebbe oscillare a una cifra per la prima metà del 2023, prima di risalire. Ma anche quella scommessa comporta dei rischi. La prossima generazione sta ora passando a TikTok, dove gli utenti possono creare e visualizzare brevi video virali invece di scorrere le invettive politiche di parenti lontani con cui si sono erroneamente collegati su Facebook.

Meta ha cercato di imitare il successo di TikTok con la sua offerta di video brevi chiamata Reels e prevede di aumentare la quantità di video brevi consigliati dagli algoritmi nei feed di Instagram degli utenti dal 15% al ​​30%. L’ipotesi è che ottenga un enorme flusso di entrate da tale cambiamento.

Tuttavia, Facebook riconosce che non si può ancora monetizzare i Reels e non è affatto chiaro quanto funzioni bene il formato per gli inserzionisti.

Incognita Metaverso e poca fiducia

Inoltre, il fondatore e CEO Mark Zuckerberg sta puntando molto sul Metaverso, che potrebbe essere il futuro dell’azienda, ma che non rappresenta praticamente nessuna delle sue entrate a breve termine e la sua costruzione costa miliardi di dollari all’anno.

Zuckerberg ha detto che entro il prossimo decennio il Metaverso raggiungerà “un miliardo di persone e ospiterà centinaia di miliardi di dollari di commercio digitale.”

Gli investitori non ne sono entusiasti e il modo in cui stanno scaricando il titolo fa sì che alcuni osservatori si chiedano se la pressione al ribasso sia in realtà una spirale mortale da cui Meta non può riprendersi.

“Non sono sicura che ci sia un core business che funzioni più su Facebook”, ha affermato Laura Martin di Needham, l’unica analista tra i 45 seguiti da FactSet con un rating di vendita sul titolo.

Nessuno sta insinuando che Facebook sia a rischio di cessazione dell’attività. L’azienda ha ancora una posizione dominante nella pubblicità mobile e ha uno dei modelli di business più redditizi del pianeta. Nonostante un calo del 36% dell’utile netto nell’ultimo trimestre rispetto all’anno precedente, Meta ha generato 6,7 miliardi di dollari di profitto e ha chiuso il periodo con oltre 40 miliardi di dollari in contanti e titoli negoziabili.

Occorre poi sottolineare che l’ultima volta che la capitalizzazione di mercato di Facebook è stata così bassa, era l’inizio del 2019 e la società stava affrontando le continue ricadute dello scandalo sulla privacy di Cambridge Analytica. Da allora, Facebook ha subito ulteriori danni sulla reputazione, in particolare a causa dei documenti trapelati lo scorso anno dall’informatore ed ex dipendente Frances Haugen.

Il principale punto di partenza della saga di Haugen, che ha preceduto il cambio di nome in Meta, era che Facebook sapeva di molti dei danni che i suoi prodotti causavano ai bambini e non era disposto o incapace di fare nulla al riguardo.

Scommettere ancora su Facebook?

Non tutto è perduto per Meta. Jake Dollarhide, CEO di Longbow Asset Management ha ricordato quando gli investitori scappavano da Facebook non molto tempo dopo la sua IPO del 2012, deridendo la capacità dell’azienda di passare “dal PC al mondo mobile”.

Il successo di Zuckerberg nel passare al mobile è la prova, secondo Dollarhide, che Meta può vincere la scommessa del Metaverso. Nel secondo trimestre, la divisione Reality Labs, che ospita i suoi visori per realtà virtuale e le relative tecnologie, ha generato un fatturato di 452 milioni di dollari, circa l′1,5% delle vendite totali di Meta, e ha perso 2,8 miliardi di dollari.

“Penso che Zuckerberg sia molto brillante e molto ambizioso”, ha affermato Dollarhide. “Non scommetterei contro di lui così come non scommetterei contro Elon Musk.”

Zhao, dell’Università di Chicago, afferma che c’è però un’immensa incertezza sulle prospettive del Metaverso.

“La vera domanda è: gli utenti giornalieri sono già pronti per il Metaverso. La tecnologia sottostante è pronta e sufficientemente matura per rendere tale transizione senza intoppi? Questa è una vera domanda e potrebbe non dipendere tutto da Facebook o Meta a questo punto”

Se Zuckerberg ha ragione, forse tra 10 anni le previsioni di una spirale di morte saranno derise come una storia di copertina del 2012 di Barron, intitolata “Facebook vale $ 15” con il pollice rivolto verso il basso. Quattro anni dopo, veniva scambiato vicino a $130.

Argomenti

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.