Mercati al rialzo nella settimana dell’inflazione Usa?

David Pascucci

9 Gennaio 2023 - 13:57

condividi

La scorsa settimana abbiamo visto un forte rialzo nella giornata di venerdì. Proseguirà anche questa settimana?

Mercati al rialzo nella settimana dell'inflazione Usa?

La giornata di venerdì, pur essendo festività in Italia, ha mostrato sui mercati un’ottima forza rialzista proprio in corrispondenza dell’uscita di un market mover, quello relativo ai NFP americani, un’ottima occasione per i mercati per mostrare i denti e tentare di risalire dopo settimane di negatività specie sui mercati azionari americani. Nasdaq, l’osservato speciale delle ultime settimane, ha realizzato una performance importante dai minimi andando poco sotto i 10700 punti per poi ripartire vigorosamente verso e oltre gli 11000 punti, una performance giornaliera dai minimi di circa il 2%.

Questo potrebbe essere un buon segnale di ripresa per i mercati americani che hanno espresso una certa debolezza nei confronti dei mercati europei che nelle ultime settimane si sono mostrati molto più tonici e consistenti al rialzo, forti di un cambio EurUsd che si è mostrato forte da fine 2022.

In questa settimana abbiamo un altro market mover importante che riguarda l’inflazione americana, vista di nuovo al ribasso e che potrebbe fare di nuovo da guida per l’andamento del mercato azionario per questa settimana. In questo contesto risulta doveroso fare un’analisi di tipo tecnico per vedere quali sono i livelli da tenere d’occhio e per farsi un’idea migliore di quello che potrebbe succedere nel corso della settimana e perché no durante il mese di gennaio.

La situazione del Nasdaq

Quello che è successo sul Nasdaq nel corso di venerdì è stato ampiamente previsto con una certa precisione nella scorsa puntata di Trading Time, la rubrica di Money.it dedicata al mondo dei mercati finanziari, al trading e agli investimenti, un movimento che era prevedibile solamente dopo un’analisi che prevede l’utilizzo dei time frame più lunghi nell’operatività intraday. Si era parlato del fatto che mancasse un ultimo market mover, quello degli NFP in uscita in Usa e che questo avrebbe portato a un aumento della volatilità e un conseguente movimento rialzista forte per la giornata di venerdì, evento realizzatosi proprio in corrispondenza dell’uscita del dato e dell’apertura del mercato cash Usa.

Ora la situazione tecnica è interessante in quanto abbiamo visto una dinamica di ripresa proprio in area 10700-10800, area che abbiamo preso come riferimento per un rimbalzo interessante, pertanto la dinamica settimanale si è chiusa in positivo confermando quindi una dinamica tendenzialmente rialzista sia per questa che per la prossima settimana. Il primo target di rialzo per il Nasdaq era proprio area 11000, area toccata venerdì e in questo momento la dinamica suggerisce che il prossimo target di movimento potrebbe essere l’area tra 11200-11300.

Attenzione però a possibili movimenti ribassisti nel corso delle prossime giornate in quanto su base settimanale, per lo meno nella prima parte della giornata di oggi, non abbiamo visto aggiornamenti dei minimi e di conseguenza potremmo ipotizzare degli allunghi al ribasso per tentare di trovare dei minimi da ricomprare per un eventuale movimento rialzista per questa settimana e perché no per la prossima. Al momento quindi, prima ancora di fare attenzione alla dinamica di base, dovremmo fare attenzione ai possibili market mover per la settimana che si collocano nel tempo tra martedì e giovedì.

Martedì ci sarà alle 15:00 un discorso di Jerome Powell che potrebbe far aumentare la volatilità sui mercati e di seguito, nella giornata di giovedì, il dato sull’inflazione Usa, un dato previsto al 6,5% contro il 7,1% del dato precedente. L’inflazione è ancora un market mover, pertanto dobbiamo ancora fare attenzione a questo tipo di dato ancora per diversi mesi prima di passare il testimone a quello che potrebbe essere il prossimo market mover che si identifica a livello macroeconomico nel tasso di disoccupazione.

Cosa potrebbe succedere oggi?

La situazione tecnica è molto delicata, nel senso che il mercato è ancora stordito dal forte rialzo di venerdì, pertanto potremmo vedere una giornata sostanzialmente tendente alla lateralità sui massimi e probabilmente potremmo vedere l’inizio di un movimento ribassista che va a prendersi dei minimi interessanti. L’area compresa tra 10850-10950 di Nasdaq è un’area valida per vedere degli allunghi al rialzo ma, ripetiamo, i market mover sono ancora lontani a livello temporale, mancano ancora 3 giornate piene di negoziazione e pertanto potremmo vedere una situazione di “staticità” fino all’arrivo dei market mover previsti.

Nasdaq grafico daily Nasdaq grafico daily Grafico daily del Nasdaq con i livelli interessati da possibili reversal evidenziati in nero

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.