Mercati: in Cina la ripresa vacilla e la variante frena il petrolio

Violetta Silvestri

16 Agosto 2021 - 08:31

condividi

I mercati asiatici si muovono deboli, stretti ancora nella morsa della variante Delta. In un mondo diventato ancora più incerto con i talebani a Kabul, le azioni cadono. Che succede oggi?

Mercati: in Cina la ripresa vacilla e la variante frena il petrolio

Mercati oggi: le Borse asiatiche vanno in rosso dopo che una serie di dati cinesi ha mostrato un rallentamento netto del motore della crescita globale, così come gran parte del mondo corre per arginare la diffusione della variante Delta.

A frenare il sentiment degli investitori c’è anche il caos Afghanistan, con il Paese capitolato a sorpresa e con velocità ai talebani. Nuova guerra in vista?

L’Asia, in generale, appare colpita dalla fragilità delle vaccinazioni, ancora troppo lente.

In questo contesto, cosa succede oggi nei mercati?

Mercati oggi: Asia debole e Cina in difficoltà

I mercati asiatici non brillano in questo lunedì di metà agosto.

Alle ore 8.06 circa, il Nikkei giapponese perde l’1,75% e gli indici cinesi Shenzhen e Shanghai scambiano rispettivamente a -0,39% e a +0,25%.

Hong Kong, Kospi della Corea del Sud e Taiwan sono tutti sotto la parità.

Protagonista della debolezza asiatica è innanzitutto la Cina. Il dragone ha svelato nuovi e deludenti dati sull’andamento della ripresa economia.

Nello specifico, i risultati sulle vendite al dettaglio di luglio, sulla produzione industriale e sugli investimenti urbani hanno tutti mancato le previsioni, una tendenza che è destinata a peggiorare a causa del recente inasprimento delle restrizioni sul coronavirus.

L’industria ha aumentato la produzione del 6,4% a luglio, a fronte di attese di un +7,8% e in seguito a un rialzo dell’8,3% a giugno.

La potenza asiatica, quindi, sta frenando e la crescita registrata è stata la più blanda dall’agosto 2020.Il manifatturiero è debole con la diffusione della variante Delta, l’aumento delle materie prime e i colli di bottiglia nella fornitura.

Le azioni giapponesi scivolano e la domanda dei beni rifugio stimola lo yen, tra le aspettative che lo stato di emergenza del virus in alcune regioni, tra cui Tokyo, sarà esteso.

Secondo l’economista di JPMorgan Bruce Kasman:

“I bassi tassi di vaccinazione dell’Asia e le misure drastiche contro la diffusione del virus suggeriscono che è la regione più a rischio economicamente dalla variante Delta”

Al quadro già incerto si è aggiunta la preoccupazione sulle possibili implicazioni geopolitiche dell’improvviso crollo del governo afghano e su cosa significhi per la stabilità politica nella regione.

Il petrolio colpito ancora dalla variante

I prezzi del petrolio diminuiscono ancora, in parte per i timori che le restrizioni ai viaggi per il coronavirus possano danneggiare la domanda, in particolare in Cina.

Il rendimento dei Treasury a 10 anni è sceso di due punti base a circa l’1,26%.

Nei mercati delle materie prime, l’oro ha esteso il suo rimbalzo a $ 1.778.

Argomenti

# Borse
# Asia

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.