Martedì grasso in busta paga: festivo o lavorativo?

Isabella Policarpio

15/02/2021

15/02/2021 - 13:03

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Cosa aspettarsi in busta paga per il giorno di martedì grasso: si tratta di un festivo o di un giorno lavorativo come gli altri? Ecco cosa prevede il calendario delle feste nazionali.

Martedì grasso in busta paga: festivo o lavorativo?

Il martedì grasso di Carnevale è un giorno festivo o lavorativo e come viene pagato in busta paga? Si tratta di uno dei dubbi più comuni e da questo dipende l’apertura o la chiusura di scuole, uffici pubblici e aziende private.

Sciogliamo subito ogni dubbio: martedì grasso, così come giovedì grasso, è un giorno feriale e non festivo in cui si lavora normalmente poiché non rientra tra le date segnate in rosso sul calendario nazionale. Per questo motivo non dà diritto a nessuna maggiorazione in busta paga.

Fa eccezione a questa regola la Scuola, ma in tal caso eventuali giorni di chiusura dipendono dal calendario scolastico stabilito Regione per Regione.

Quest’anno la settimana di Carnevale comprende i giorni tra giovedì 11 febbraio e martedì grasso 16 febbraio.

Martedì grasso lavorativo in busta paga: non è festivo

Come abbiamo anticipato, nei giorni di martedì e giovedì grasso si lavora regolarmente come del resto durante tutta la settimana di Carnevale.

Il motivo è che, anche se il Carnevale è legato alle feste pasquali, non è compreso nell’elenco delle festività nazionali al pari di Capodanno, Primo dell’anno, Epifania, festa delle Liberazione, Primo maggio e così via.

Pur essendo una festività molto sentita (soprattutto in alcune città) la legge nazionale non prevede nessun giorno di vacanza o maggiorazione in busta paga in caso di festività non goduta.

Martedì grasso non è segnato in rosso sul calendario e, salvo eccezionali chiusure aziendali, si lavora a pieno regime senza la maggiorazione prevista in busta paga per le festività soppresse o non godute.

Cosa si può fare a Carnevale

Posto che l’intera settimana di Carnevale non fa parte dei giorni festivi ma dei feriali, dall’11 al 16 febbraio nelle regioni della zona gialla si può andare nei musei e nelle gallerie d’arte, circolare liberamente all’interno della regione e andare nei centri commerciali (che invece chiudono nel weekend, nei festivi e prefestivi).

In tutte e tre le zone di rischio è vietato organizzare feste in maschera in casa. Infatti, almeno fino al 5 marzo 2021, non si possono invitare nella propria abitazione più di due persone oltre ai conviventi, senza contare i figli minori di 14 anni e i soggetti disabili o non autosufficienti con loro conviventi.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories