Italia sempre più in zona rossa, 4 Regioni in rosso scuro: peggiora la situazione nella mappa Ue

Stefano Rizzuti

16 Dicembre 2021 - 13:19

condividi

Aumentano i contagi in Italia: la mappa dell’Ecdc certifica il passaggio in zona rossa di quasi tutto il Paese. Restano quattro le Regioni in rosso scuro mentre solo tre mantengono l’arancione.

Italia sempre più in zona rossa, 4 Regioni in rosso scuro: peggiora la situazione nella mappa Ue

L’Italia diventa quasi tutta rossa. Nell’ultimo aggiornamento della mappa Ecdc sui contagi in Europa quasi tutte le Regioni entrano in zona rossa (o rosso scuro). Al di sotto della soglia limite e quindi ancora in arancione restano solamente Sardegna, Puglia e Molise.

Confermata inoltre la zona rosso scuro - quella a maggior rischio per i parametri Ue - per Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Valle d’Aosta e provincia di Bolzano. Ricordiamo che la mappa del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie fornisce i dati sui contagi basandosi sui casi registrati negli ultimi 14 giorni rapportati al numero di abitanti.

In Europa la situazione epidemiologica continua a peggiorare quasi ovunque con il rosso scuro che diventa il colore prevalente. Anche l’Italia diventa sempre più rossa con solamente tre Regioni ormai in arancione. Vediamo la situazione nel nostro Paese Regione per Regione.

Mappa Ecdc in Italia, al Sud meno contagi

La situazione al Sud Italia sembra andare meglio: il Mezzogiorno è diviso tra zone rosse e arancioni senza alcun territorio in rosso scuro. In arancione restano solamente Sardegna, Puglia e Molise. Esce dall’arancione ed entra in rosso la Sicilia che raggiunge Calabria, Campania, Basilicata e Abruzzo.

La mappa Ecdc del 16 dicembre La mappa Ecdc del 16 dicembre

Tutto il centro Italia in zona rossa nella mappa Ue

La situazione al Centro Italia è leggermente peggiorata rispetto alla settimana precedente: ora tutte le Regioni sono in zona rossa con l’Umbria che ha perso la fascia arancione. Si va così ad affiancare a Lazio, Marche e Toscana.

Il Nord diviso tra rosso e rosso scuro

Va peggio la situazione al Nord Italia dove i contagi sono di più. Viene confermata la zona rossa in Emilia-Romagna, Liguria, Piemonte, Lombardia e Trento. Resta invece il rosso scuro soprattutto al Nord-Est: massima allerta per Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Bolzano. In rosso scuro resta anche la Valle d’Aosta.

La situazione in Ue: quasi solo l’Italia resta in arancione

In Europa il giallo (per l’Ecdc in realtà è arancione) è quasi del tutto scomparso. L’unica eccezione, oltre all’Italia, è la Romania dove si rivede però anche un pochino di verde (la zona a minor rischio).

Peggiora nettamente la situazione in Spagna: fino a una settimana fa era l’unica Regione a mantenere l’arancione tra i grandi Paesi Ue insieme all’Italia, ma ora è quasi tutta rossa con alcune Regioni in rosso scuro.

Peggioramento anche in Francia, dove il rosso scuro la fa da padrone. Alto il numero di contagi anche in altri grandi Paesi come la Germania e in Scandinavia dove avanza il rosso scuro anche in Paesi come la Norvegia. Tra i grandi Paesi la situazione migliore è di gran lunga quella italiana.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it