Lula vince le elezioni più serrate nella storia del Brasile, cosa significa per il mondo?

Lorenzo Bagnato

02/11/2022

02/11/2022 - 10:37

condividi

Luiz Inácio Lula da Silva ha vinto domenica il secondo turno delle elezioni in Brasile. Il suo avversario, l’esponente di estrema destra Jair Bolsonaro, non ha ancora riconosciuto i risultati.

Lula vince le elezioni più serrate nella storia del Brasile, cosa significa per il mondo?

Dopo le elezioni più serrate nella storia del Paese, Luiz Inácio Lula da Silva (altrimenti noto come Lula) è il nuovo presidente del Brasile. Ha vinto al ballottaggio contro il leader di estrema destra Jair Bolsonaro, che ha guidato il Paese negli ultimi quattro anni.

Subito dopo, tutti i principali leader del mondo hanno espresso le loro congratulazioni a Lula. Dal presidente russo Vladimir Putin al presidente degli Stati Uniti Joe Biden, tutti hanno comunicato le proprie speranze per un’ulteriore collaborazione con il Brasile.

Faccio le mie congratulazioni a Luiz Inácio Lula da Silva per la sua elezione come prossimo presidente del Brasile dopo elezioni libere, eque e credibili. Non vedo l’ora di lavorare assieme per proseguire la cooperazione tra i nostri due Paesi nei mesi e negli anni a venire.

Il ballottaggio, che si è svolto domenica, è stato così serrato che non è emerso un chiaro vincitore fino a quando non è stato contato oltre il 98% dei voti. Alla fine, Lula ha vinto con il 50,9% dei voti contro il 49,1% di Bolsonaro. Lula aveva anche vinto il primo turno delle elezioni con una maggioranza inferiore al previsto, il che ha fatto pensare agli esperti che Bolsonaro potesse davvero farcela.

Anche la corsa alle elezioni è stata coperta dalla paura, poiché il presidente Bolsonaro ha affermato che non avrebbe accettato qualsiasi risultato diverso dalla sua vittoria. I suoi stretti legami con le forze armate e il suo costante ricordo della campagna dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump hanno alimentato tali timori.

Donald Trump aveva inizialmente rifiutato i risultati elettorali, appoggiando una rivolta popolare contro il vincitore democratico Joe Biden. Il 6 gennaio 2020, i sostenitori di Trump hanno preso d’assalto il Campidoglio hanno fomentato disordini, ma non ne è venuto fuori nulla di serio.

L’assalto al Campidoglio non è stato altro che una piccola baraonda perché ogni istituzione ufficiale degli Stati Uniti (compreso l’esercito) non era esattamente entusiasta di sostenere un colpo di stato. Il Brasile, tuttavia, ha una storia recente di dittatura militare e le forze armate mantengono ancora molto potere. Inoltre, Bolsonaro non ha ancora riconosciuto i risultati elettorali. In ogni caso, non lascerà il potere fino a gennaio, quando Lula dovrebbe essere ufficialmente insediato.

Cosa significa la vittoria di Lula per il Brasile e il mondo

La presidenza di Jair Bolsonaro è stata una delle più controverse nella storia del Paese. Per cominciare, si ritiene che il suo approccio alla pandemia di Covid-19 abbia ucciso molte più persone di quante ne avrebbe fatte un approccio sicuro. Ha costantemente rifiutato gli effetti del virus e del vaccino, risultando nel secondo peggior bilancio di vittime al mondo.

Ha anche minato i diritti umani per le popolazioni autoctone che vivono all’interno della foresta amazzonica, esacerbando un problema che i precedenti presidenti stavano cercando di risolvere. Anche per quanto riguarda la foresta pluviale amazzonica, durante la presidenza di Bolsonaro la deforestazione ha raggiunto il picco peggiore degli ultimi decenni, preoccupando gli scienziati del clima del mondo.

Al contrario, la presidenza di Lula nei primi anni 2000 ha visto un picco nel rimboschimento, una politica che si crede (e si spera) continuerà ora. Anche Lula, tuttavia, non è al sicuro dalle critiche. Dopo i suoi due mandati come presidente, è stato accusato di collusione con la National Oil Company. Ha trascorso quasi due anni in carcere prima di essere condannato.

In ogni caso, la vittoria di Lula segna la svolta a sinistra di un altro Paese sudamericano. In questo caso, è il più grande, il più popoloso e con la quota maggiore della foresta amazzonica. Cosa questo significhi per il Brasile internamente potrebbe rimanere incerto, ma il mondo può letteralmente tirare un respiro di sollievo.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il giorno 2022-10-31 13:13:28. Titolo originale: Lula wins tightest elections in Brazil’s history, what does it mean for the world?

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it