Lockdown morbido: cosa significa e perché è un’ipotesi per l’Italia

Anche l’Italia, come Francia e Germania, potrebbe decidere in favore di un lockdown più morbido del precedente? Potrebbe essere l’unica soluzione qualora l’ultimo DPCM non dovesse funzionare.

Lockdown morbido: cosa significa e perché è un'ipotesi per l'Italia

Lockdown: anche l’Italia - sull’esempio di Francia e Germania - potrebbe decidere di adottare una linea più morbida rispetto a quanto fatto tra marzo e aprile.

La crescita dei contagi sembra essere ormai inarrestabile: 24.991 nuovi casi nella giornata di ieri e 205 decessi. Tant’è che la domanda che molti si fanno non è più se ci sarà o meno un secondo lockdown, ma su quando questo avrà inizio.

C’è chi ritiene che il Governo potrebbe prendere questa difficile decisione con il prossimo DPCM. Tuttavia, sembra che questa volta Giuseppe Conte abbia l’intenzione di aspettare di vedere gli effetti delle ultime restrizioni introdotte prima di approvare un nuovo decreto: per questo motivo, un nuovo DPCM non arriverà prima del 9 novembre.

Qualora le ultime restrizioni non dovessero produrre effetti positivi frenando la crescita dei contagi, allora quella di un lockdown potrebbe essere davvero l’unica possibilità. Ma quanto fatto da Germania e Francia ci dimostra come questa volta anche gli altri Paesi abbiano deciso di adottare - chi più e chi meno - una linea più morbida rispetto a quanto fatto durante la prima ondata.

Anche l’Italia potrebbe scegliere la stessa via: vediamo, quindi, perché si parla di lockdown morbido e perché potrebbe essere una soluzione utile anche all’Italia.

L’Italia vuole evitare il lockdown a Natale

C’è un obiettivo che il Governo si è imposto: salvare le festività natalizie, periodo in cui storicamente vi è un picco dei consumi. Un lockdown a Natale, infatti, potrebbe avere conseguenze disastrose per la nostra economia.

Per questo motivo, semmai la diffusione del contagio dovesse restare con gli stessi ritmi registrati nelle ultime ore, ci potrebbe essere un lockdown verso la metà di novembre, con durata ridotta rispetto alla prima ondata. Le misure restrittive, infatti, resterebbero in vigore fino alla metà di dicembre, in tempo per festeggiare - seppur nel rispetto delle regole anti-contagio - il Natale.

Già a livello di durata, quindi, il nuovo lockdown sarebbe più morbido rispetto al precedente. Ed è per questo motivo che si parla di un “lockdown soft”, con il Governo che tra l’altro potrebbe decidere di “risparmiare” alcuni settori produttivi.

Italia come Germania e Francia: ipotesi lockdown morbido, cosa significa

Come anticipato, si parla di lockdown morbido perché sia per quanto riguarda l’orizzonte temporale che per le restrizioni introdotte la linea adottata sarebbe meno dura rispetto alla prima ondata.

La conferma arriva dalle ultime decisioni prese da Francia e Germania: i due Paesi hanno scelto, infatti, di disporre un lockdown di qualche settimana preferendo, però, una linea più morbida rispetto alla scorsa primavera.

Ad esempio, nella serata di ieri il Presidente francese, Emmanuel Macron, ha deciso di non chiudere le scuole, così come gli uffici, le aziende e le fabbriche. Inoltre, nel rispetto dei protocolli sanitari, potranno anche continuare i cantieri nel settore edilizio, così come i lavori nelle aziende agricole.

Chiudono però i negozi, ad eccezione degli alimentaristi: inoltre, gli spostamenti fuori casa saranno consentiti fino ad un chilometro dal luogo di residenza. Oltre questo raggio sarà necessario munirsi dell’autocertificazione.

Queste misure dureranno fino al 1° dicembre, poi, rassicura Macron, se ci saranno le condizioni verrà predisposto un piano di riaperture così da salvare lo shopping natalizio.

Anche la Germania, vista la crescita dei contagi, ha deciso in favore di un “lockdown light”. Restano aperti i negozi, ma chiudono ristoranti, bar, cinema, teatri, saloni di bellezza, palestre e bordelli. Agli alberghi viene vietato di ospitare turisti, limitandosi a persone in viaggio per lavoro o affari; sconsigliato ogni spostamento non urgente o necessario.

Queste restrizioni saranno in vigore per 4 settimane, con la speranza che siano sufficienti per frenare i contagi poiché - in caso contrario - “la sanità tedesca rischia il collasso tra poche settimane” (come spiegato dalla Merkel).

Lockdown morbido anche in Italia: quali possibili restrizioni

Qualora il Governo dovesse rilevare che un lockdown è indispensabile per ridurre la diffusione del coronavirus, potrebbe potenziare le decisioni già prese con l’ultimo decreto. Si parla, quindi, di didattica a distanza al 100% alle scuole superiori, come pure alle scuole medie. Le uniche a restare aperte potrebbero essere le scuole elementari.

Possibile chiusura negozi, parrucchieri e centri estetici; limitazione per gli spostamenti con il ritorno dell’autodichiarazione. Serrata totale per bar e ristoranti, mentre le attività produttive dovrebbero restare aperte.

Misure che però resterebbero in vigore, almeno nell’intento del Governo, per sole poche settimane, per poi alleggerirle di nuovo in prossimità delle feste di Natale. È ancora un’ipotesi ovviamente: la speranza di tutti è che tra qualche settimana vedremo gli effetti positivi dell’ultimo DPCM risparmiando così il Paese da un nuovo lockdown che - anche se più morbido del precedente - potrebbe avere effetti disastrosi sulla nostra economia.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories