Lo tsunami Silicon Valley Bank travolge ancora i mercati: banche sotto assedio

Violetta Silvestri

14/03/2023

Mercati ancora sconvolti dal caso Silicon Valley Bank. I titoli bancari globali sono precipitati, con svendite record destinate a continuare. Intanto, gli investitori attendono l’inflazione Usa.

Lo tsunami Silicon Valley Bank travolge ancora i mercati: banche sotto assedio

Mercati ancora in agitazione oggi, martedì 14 marzo.

Le azioni asiatiche hanno esteso i cali guidati dalla debolezza dei titoli finanziari, mentre il crollo della Silicon Valley Bank ha continuato a riverberarsi sugli indici globali. Le onde d’urto del fallimento bancario Usa hanno ulteriormente affondato i titoli bancari di tutto il mondo, mentre le rassicurazioni del presidente degli Stati Uniti e di altri politici hanno fatto poco per calmare i mercati e hanno spinto a ripensare le prospettive sui tassi di interesse.

Gli sforzi di Biden per rassicurare i mercati e i depositanti sono arrivati ​​dopo che le misure di emergenza statunitensi per sostenere le banche dando loro accesso a finanziamenti aggiuntivi non sono riuscite a dissipare le preoccupazioni degli investitori sul potenziale contagio ad altri istituti di credito in tutto il mondo.

Cosa succede? I titoli bancari in Asia sono crollati, con le aziende giapponesi colpite in modo particolarmente duro e l’ansia per il rischio sistemico ha portato al ribasso il mercato in generale.

Mercati sotto assedio: è crollo bancario globale

Le borse asiatiche chiudono una seduta pessima, con tutti gli indici in rosso. Particolarmente colpiti il Giappone, con il Nikkei a -2,19%, Hong Kong che sta archiviando a -2,26% e il Kospi della Corea del Sud che ha perso il 2,56%.

Le azioni delle maggiori banche giapponesi sono scese bruscamente e i titoli MUFG, Mizuho e SMFG sono crollati del 7,5% e dell’8,1%.

Lunedì le principali banche statunitensi hanno perso circa 90 miliardi di dollari di valore del mercato azionario, portando le loro perdite nelle ultime tre sessioni di negoziazione a quasi 190 miliardi di dollari.

Le banche regionali sono state le più colpite. Le azioni di First Republic Bank sono crollate di oltre il 60% poiché le notizie di nuovi finanziamenti non sono riuscite a rassicurare gli investitori e l’agenzia di rating Moody’s ha rivisto il titolo per un declassamento.

L’indice bancario europeo STOXX ha chiuso in ribasso del 5,7%. La tedesca Commerzbank è scesa del 12,7% e Credit Suisse è scivolata del 9,6% a un minimo storico.

Intanto, i prezzi dei Treasury statunitensi sono diminuiti, con il rendimento titolo a 10 anni che ha guadagnato 3 punti base al 3,543% e il rendimento della banconota a due anni che ha aggiunto 2 punti base al 4,054%.

C’è attesa per Fed e inflazione Usa

La corsa per rivalutare le aspettative sui tassi di interesse sta provocando altre onde d’urto sui mercati, poiché gli investitori scommettono che la Federal Reserve sarà riluttante ad aumentare i tassi la prossima settimana.

Gli operatori attualmente vedono una probabilità del 50% che il costo del denaro non sarà alzato ancora, con tagli dei tassi previsti per la seconda metà dell’anno. All’inizio della scorsa settimana, era stato previsto un aumento di 25 punti base, con una probabilità del 70% di 50 punti base.

Gli investitori stanno anche aspettando i dati sull’inflazione degli Stati Uniti di oggi, che dovrebbero mostrare persistenti pressioni sui prezzi, complicando potenzialmente il percorso Fed sui tassi di interesse mentre deve affrontare tre fallimenti bancari e preoccupazioni per la stabilità finanziaria.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO
Termina il 24/05/2024 Quale criptovaluta comprare oggi?

113 voti

VOTA ORA

Quale criptovaluta comprare oggi?

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo