Leonardo sotto attacco hacker: cos’è successo?

Marco Ciotola

5 Dicembre 2020 - 18:22

5 Dicembre 2020 - 21:27

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Trojan nei computer della compagnia per due anni hanno estrapolato 10 gigabyte di dati e informazioni riservate. Il fatto

Leonardo sotto attacco hacker: cos'è successo?

Leonardo sotto attacco hacker. È quanto verificatosi a partire dal maggio del 2015 per andare avanti almeno nei successivi 2 anni stando alle prime informazioni acquisite.

Il colosso della difesa con sede a Roma è stato vittima di un trojan, vale a dire un malware che, celato all’interno di un programma sicuro, si inserisce nei sistemi aziendali con intenti criminali di svariata natura.

In particolare, quello inserito nei computer della società guidata dal CEO Alessandro Profumo per due anni ha estrapolato circa 10 gigabyte di dati e informazioni riservate.

La circostanza ha portato in queste ultime ore alle misure cautelari per due figure legate alla società, un dirigente e un ex dipendente, denunciati proprio dalla società stessa, che ha sottolineato di essere “parte lesa”.

Leonardo sotto attacco hacker: cos’è successo?

Secondo prime informazioni il trojan avrebbe estrapolato dati e sarebbe andato avanti con le sue attività all’interno dei sistemi informatici aziendali tra maggio 2015 e gennaio 2017.

Inserito da una figura interna tramite pendrive - probabilmente l’ex dipendente ora in misura cautelare - ha acquisito nel tempo 10 gigabyte di dati e informazioni aziendali riservate.

Un’acquisizione impropria ed estremamente pericolosa per il colosso della difesa, che ha coinvolto nello specifico le divisioni Aerostrutture e Velivoli.

Stando a quanto rivelato nel corso delle ultime ore, l’ex dipendente coinvolto sarebbe già molto noto alle cronache per essere uno dei principali artefici di un attacco informatico a una base Nato americana con sede sul territorio italiano.

In merito all’accaduto, l’azienda ha evidenziato di essere “parte lesa”, cercando di dare rassicurazioni riguardo la natura e la riservatezza dei dati trafugati:

“In merito agli odierni provvedimenti, Leonardo rende noto che l’inchiesta è scaturita da una denuncia presentata dalla stessa sicurezza aziendale. L’Azienda, ovviamente parte lesa in questa vicenda, ha fornito fin dall’inizio e continuerà a fornire la massima collaborazione agli inquirenti per fare chiarezza sull’accaduto e a propria tutela. Si precisa infine che dati classificati ossia strategici sono trattati in aree segregate e quindi prive di connettività e comunque non presenti nel sito di Pomigliano.”

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories