Legge 104 e bollo auto: quando spetta l’esenzione a disabili e familiari

Esenzione bollo auto legge 104: analisi di requisiti e regole utili per capire quando spetta l’agevolazione sia al disabile che al familiare di cui questi è fiscalmente a carico. Tutte le regole su documenti e come richiedere l’esonero.

Legge 104 e bollo auto: quando spetta l'esenzione a disabili e familiari

Esenzione bollo auto legge 104: analizziamo di seguito quali sono i requisiti per beneficiare dell’agevolazione.

Non c’è dubbio che l’esenzione dal bollo auto sia una delle agevolazioni più note della legge 104 in quanto consente sia al disabile che ai familiari di non pagare una delle tasse meno gradite ai contribuenti italiani.

La legge 104 è il punto di partenza, ma per analizzare i requisiti richiesti per l’esonero dal pagamento del bollo bisogna passare da quanto indicato dall’Agenzia delle Entrate.

Nella guida alle agevolazioni rivolte ai contribuenti affetti da disabilità viene spiegato nel dettaglio quando con la legge 104 non si paga il bollo auto. L’esonero non spetta solo ai disabili ai sensi dell’articolo 3, comma 3 (disabilità grave) ma anche in altri casi che analizzeremo di seguito.

Nel rispetto di ulteriori requisiti è possibile anche per i familiari del disabile beneficiare dell’esenzione dal bollo di cui alla legge 104.

Analizziamo di seguito tutte le regole previste, i documenti necessari e le istruzioni per richiedere l’agevolazione.

Legge 104 e bollo auto: quando spetta l’esenzione a disabili e familiari

Il primo passo necessario per capire se si ha diritto a beneficiare dell’esenzione dal pagamento del bollo è controllare il verbale della 104 rilasciato dalla commissione medica chiamata ad accertare il proprio grado di invalidità.

L’esenzione dal pagamento del bollo si applica ai disabili che rientrano nelle seguenti condizioni:

  • non vedenti e sordi;
  • handicap psichico o mentale con riconoscimento dell’indennità di accompagnamento;
  • disabili con grave limitazione della capacità di deambulazione o affetti da pluriamputazioni
  • disabili con ridotte o impedite capacità motorie.

In ogni caso, basterà come sopra anticipato controllare quanto riportato nel verbale medico. Si potrà beneficiare dell’esenzione dal pagamento del bollo qualora nello stesso sia riportata la seguente dicitura: “l’interessato possiede i requisiti tra quelli dell’art. 4 DL 9 febbraio 2012 n. 5”.

Il requisito della disabilità non basta. Anche per quel che riguarda la tipologia di veicolo posseduto è necessario fare alcune precisazioni e, poi, è bene specificare quando l’esonero dal bollo auto per la legge 104 spetta al parente del disabile.

Bollo auto e legge 104: per quali auto si ha diritto all’esonero

L’esenzione dal pagamento del bollo si applica, così come tutte le altre agevolazioni del settore auto previste dalla legge 104, ai seguenti veicoli:

autovetture Veicoli destinati al trasporto di persone, aventi al massimo nove posti, compreso quello del conducente
autoveicoli per il trasporto promiscuo Veicoli aventi una massa complessiva a pieno carico non superiore a 3,5 tonnellate (o a 4,5 tonnellate, se a trazione elettrica o a batteria), destinati al trasporto di cose o di persone e capaci di contenere al massimo nove posti, compreso quello del conducente
autoveicoli specifici Veicoli destinati al trasporto di determinate cose o di persone per trasporti in particolari condizioni, caratterizzati dall’essere muniti permanentemente di speciali attrezzature relative a tale scopo
autocaravan Veicoli aventi una speciale carrozzeria ed attrezzati permanentemente per essere adibiti al trasporto e all’alloggio di 7 persone al massimo, compreso il conducente
motocarrozzette Veicoli a tre ruote destinati al trasporto di persone, capaci di contenere al massimo 4 posti, compreso quello del conducente, ed equipaggiati di idonea carrozzeria
motoveicoli per trasporto promiscuo Veicoli a tre ruote destinati al trasporto di persone e cose, capaci di contenere al massimo quattro posti, compreso quello del conducente
motoveicoli per trasporti specifici Veicoli a tre ruote destinati al trasporto di determinate cose o di persone in particolari condizioni e caratterizzati dall’essere muniti permanentemente di speciali attrezzature relative a tale scopo

Il bollo auto non si paga esclusivamente qualora il veicolo posseduto rientri nei seguenti limiti di cilindrata:

  • 2.000 centimetri cubici per le auto con motore a benzina;
  • 2.800 centimetri cubici per quelle diesel.

Se il disabile possiede più veicoli, l’esenzione spetta solo per uno di essi: egli stesso, al momento della presentazione della domanda e dei documenti richiesti, indicherà la targa dell’auto prescelta.

Legge 104: quando l’esenzione dal bollo auto si estende ai familiari del disabile

In specifici casi l’esenzione dal bollo auto si estende anche ai familiari del disabile.

La legge prevede che al posto della persona con disabilità, possa beneficiare dell’esonero dal pagamento del bollo il familiare qualora il portatore di handicap sia a suo carico ai fini fiscali.

Ricordiamo che per essere considerato “fiscalmente a carico” il disabile deve avere un reddito complessivo annuo non superiore a 2.840,51 euro, limite che a partire dal 2019 è salito a 4.000 euro ma esclusivamente per i contribuenti fino a 24 anni di età.

Superato questo limite di reddito, le agevolazioni spettano unicamente al disabile: per poterne beneficiare è necessario, quindi, che i documenti di spesa siano intestati a lui e non al suo familiare.

Bollo auto: domanda di esenzione legge 104. Come fare e quali documenti servono

La domanda per beneficiare dell’esenzione dal pagamento del bollo auto dovrà essere presentata solo per il primo anno all’Ufficio tributi della Regione, all’Agenzia delle Entrate o all’ACI.

Il soggetto al quale sono stati riconosciuti i benefici della legge 104 o che possiede una disabilità tra quelle rientranti nel perimetro agevolabile, dovrà presentare all’ufficio competente (o spedire per raccomandata A/R) i documenti richiesti, che elencheremo di seguito, entro 90 giorni dalla scadenza del termine entro cui andrebbe effettuato il pagamento del bollo auto.

Una volta riconosciuta, l’esenzione è valida anche per gli anni successivi, senza che l’interessato ripresenti l’istanza e invii nuovamente la documentazione.

Per ottenere l’esonero dal pagamento, quindi, bisognerà presentare i seguenti documenti:

  • Certificazione attestante la condizione di disabilità:
    • per il non vedente e il sordo, occorre un certificato, rilasciato da una Commissione medica pubblica, che attesta la sua condizione;
    • per il disabile psichico o mentale, è richiesto: il verbale di accertamento dell’handicap, emesso dalla Commissione medica dell’Asl (o da quella integrata Asl Inps), dal quale risulti che il soggetto si trova in situazione di handicap grave (art. 3, comma 3, della legge n. 104 del 1992), derivante da disabilità psichica; il certificato di attribuzione dell’indennità di accompagnamento (legge n. 18/1980 e legge n. 508/1988), emesso dalla Commissione a ciò preposta (Commissione per l’accertamento dell’invalidità civile di cui alla legge n. 295/1990)
    • per i disabili con grave limitazione della capacità di deambulazione, o pluriamputati, occorre il verbale di accertamento dell’handicap, emesso dalla Commissione medica dell’Asl (o da quella integrata Asl-Inps), dal quale risulti che
      il soggetto si trova in situazione di handicap grave (art. 3, comma 3, della legge n. 104 del 1992), derivante da patologie (comprese le pluriamputazioni) che comportano una limitazione permanente della deambulazione;
  • Fotocopia dell’ultima dichiarazione dei redditi, o autocertificazione: se il veicolo è intestato al familiare del disabile, dalla dichiarazione dei redditi deve risultare che egli è fiscalmente a carico dell’intestatario dell’auto.

Per maggiori dettagli si consiglia di consultare la guida dell’Agenzia delle Entrate con tutte le agevolazioni della legge 104.

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse per ricevere le news su Legge 104

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.