La sostenibilità nel settore immobiliare: cosa sta facendo DeA Capital Real Estate SGR

2 Agosto 2022 - 16:38

condividi

Uso intelligente dell’acqua, promozione delle iniziative di social housing e formazione continua in azienda, sono questi alcuni dei punti fondamentali del programma ESG

La sostenibilità nel settore immobiliare: cosa sta facendo DeA Capital Real Estate SGR

DeA Capital Real Estate SGR ha recentemente annunciato di aver redatto il suo primo rapporto ESG, all’interno del quale sono rendicontati i progressi fatti nel 2021.

Come emerge dal report, la società è pienamente consapevole delle responsabilità che ha in ambito ambientale, sociale e di governance aziendale; il che è visibile soprattutto dai progressi fatti.

La SGR al 31 dicembre 2021 possedeva 54 fondi, 760 asset e aveva 134 dipendenti e 100 investitori istituzionali.

Nel 2019, DeA Capital Real Estate ha deciso di rendere esplicito per gli stakeholder il proprio impegno nell’ambito della sostenibilità, adottando la prima Policy ESG con l’obiettivo di integrare coerentemente i fattori ESG all’interno dei propri processi e nella gestione dei prodotti.

Poi fal 2020 la Società ha adottato un “Piano di azione ESG” triennale in cui sono declinate le attività da attuare per il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità definiti nella Policy ESG, le tempistiche di attuazione e gli indicatori di performance impiegati per il relativo monitoraggio, ossia i KPI.

La sostenibilità ambientale nei gesti quotiani: basta sprecare acqua e carta

Per iniziare, l’azienda ha deciso di utilizzare soltanto energie rinnovabili per entrambi i suoi uffici di Milano e Roma, così da mettere a freno in modo importante le proprie emissioni.

Ha inoltre partecipato a alla valutazione GRESB (Green Real Estate Sustainability Benchmark), con 14 fondi di investimento alternativi, il che ha generato un open market value di ben due miliardi di euro.

Tra i fondi di investimento alternativi che sono gestiti dalla Società, sono presenti numerosi immobili che hanno ottenuto certificazioni di sostenibilità, in particolare, 21 sono certificati LEED Gold, mentre altri 8 sono pre-certificati Gold o superiore.

Al fine di diminuire il più possibile il consumo di plastica e lo spreco d’acqua, l’azienda ha fornito al 100% del personale delle bottiglie personalizzate in alluminio e dei distributori d’acqua da cui servirsi.

Dal 2019 al 2021 il numero di bottiglie di plastica è diminuito del 70%, è infatti passato da 24.720 a 7.440, il che fa ben sperare che presto l’azienda sarà in grado di far crescere ulteriormente questa percentuale.

Lo stesso destino delle bottiglie di plastica sembra essere destinato alla carta. L’azienda lavora infatti dal 2019 per diminuirne l’uso.

Lo sforzo ha prodotto una diminuzione del 65% dell’uso della carta per stampare, attraverso campagne di sensibilizzazione del personale e uso di documenti in formato digitale. È così passata nel giro di due anni dall’usare circa 5.000 chili di carta in un anno a poco più di 1.600.

Valorizzare e promuovere l’istruzione per una società più equa

L’impegno della SGR in ambito sociale è decisamente a tutto tondo: negli ultimi anni ha infatti lavorato ad una sempre maggiore integrazione di personale donna in azienda raggiungendo, nel momento della realizzazione del report, una percentuale del personale femminile del 58% tra i dipendente e il 29% tra i dirigenti.

Non soltanto, al fine di assistere in maniera concreta le famiglie meno abbienti e di combattere la disoccupazione e lo skill mismatch, ha messo a disposizione numerose borse di studio per i programmi di finanza sostenibile del Polimi Graduate School of Management.

L’azienda ha dimostrato di credere molto nella valorizzazione delle competenze, l’80% del personale totale in azienda è laureato mentre, a livello globale, il 99% ha un contratto a tempo indeterminato.

Promuove infine, attraverso tre fondi di social housing, delle iniziative a sostegno di quelle famiglie che versano in gravi situazioni di difficoltà economica.

La consapevolezza del personale è il primo motore dei temi ESG

Al fine di garantire degli standard di governance aziendale etici, DeA Capital Real Estate ha firmato i Principi di Investimento Responsabili (PRI) ed è divenuta membro del Forum per la Finanza Sostenibile.

Al fine di allineare anche il proprio personale sulle tematiche ESG, l’azienda ha organizzato dei percorsi di formazione per i propri dipendenti in questi ambiti.

In particolare, delle 31 ore di formazione organizzate nel 2021, il 35% riguardava tematiche ESG.

Al fine inoltre di assicurarsi che la condotta interna sia impeccabile, DeA Real Estate ha al suo interno numerosi regolamenti che tutti i dipendenti e i manager sono tenuti a rispettare, tra questi il Codice Etico, il Codice di Condotta, una Policy sui conflitti di interesse e parti correlate, una policy sull’antiriciclaggio e una sulla privacy.

Iscriviti a Money.it