Occupazione al 60% in Italia, record dal 1977. I dati di giugno

Violetta Silvestri

1 Agosto 2022 - 12:56

condividi

Istat ha reso noto il tasso di occupazione del mese di giugno in Italia, che ha mostrato una crescita. Il numero di persone occupate è tornato ad aumentare dopo il calo di maggio. I dettagli.

Occupazione al 60% in Italia, record dal 1977. I dati di giugno

Buone notizie per l’Italia sul fronte lavoro: i dati Istat relativi al mese di giugno hanno evidenziato un aumento di persone occupate, portando il tasso a un livello record dal 1977.

Rispetto al mese precedente, disoccupati e inattivi diminuiscono mentre sono in rialzo le persone che lavorano. In confronto con giugno 2021, il numero di occupati è maggiore per 400.000 unità.

Tutti i risultati Istat sull’occupazione in Italia a giugno: c’è il record dal 1977.

L’occupazione di giugno in Italia è da record: i dati

Nella lettura di giugno sul numero degli occupati, Istat ha dichiarato:

“A giugno 2022, dopo il calo registrato a maggio, il numero di occupati torna ad aumentare per effetto della crescita dei dipendenti permanenti, superando nuovamente i 23 milioni. Rispetto a giugno 2021, l’incremento di oltre 400mila occupati è determinato dai dipendenti che, a giugno 2022, ammontano a 18 milioni 100 mila, il valore più alto dal 1977, primo anno della serie storica”

Nello specifico, il tasso di occupazione ha segnato un +60,1% e quello di disoccupazione è rimasto all’8,1%, mentre il tasso di inattività è sceso al 34,5%. Rispetto al primo trimestre 2022, il livello di occupazione è aumentato di uno 0,4%, con un totale di 90mila occupati in più.

In confronto con il mese precedente, a giugno 2022 a crescere sono gli occupati di entrambi i sessi, dipendenti permanenti e in tutte le classi d’età, con l’eccezione dei 35-49enni; in calo anche gli autonomi e i dipendenti a termine.

Istat ha sottolineato che “il lieve calo del numero di persone in cerca di lavoro (-0,2%, pari a -4mila unità rispetto a maggio) si osserva tra le donne e tra chi ha più di 25 anni d’età. La diminuzione del numero di inattivi tra i 15 e i 64 anni (-0,7%, pari a -91mila unità) coinvolge uomini e donne e le classi d’età al di sotto dei 50 anni.”

Da evidenziare che il tasso di disoccupazione è stabile all’8,1%. In Eurozona è rimasto invariato al 6,6%.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.