Italia: rendimenti stabili nell’asta di Btp a 5 e 10 anni

Domanda positiva e rendimenti stabili. Questo il quadro che emerge dall’asta di titoli a 5 e 10 anni del Tesoro italiano. Vediamo i dettagli.

Italia: rendimenti stabili nell'asta di Btp a 5 e 10 anni

Questa mattina il Ministero dell’economia ha collocato BTP a cinque e dieci anni per 5,5 miliardi di euro. L’appuntamento era particolarmente atteso alla luce della conferma del nostro merito di credito decretata da Standard & Poor’s venerdì scorso.

Entrambi i titoli sono stati assegnati al livello massimo previsto inizialmente, rispettivamente 2,5 e 3 miliardi di euro.

Asta Btp: rendimenti poco mossi, bene le richieste

Nel dettaglio, nell’asta di titoli a cinque anni il rendimento del BTP si è attestato all’1,72%, un punto base al di sopra del dato precedente. Il tasso di copertura, il bid-to-cover, si è attestato a 1,52 volte.

Rosso invece di due punti base rispetto all’appuntamento di fine marzo per il rendimento del dieci anni, arrivato alla quinta tranche, attestatosi al 2,59%. In questo caso le richieste hanno superato il quantitativo offerto di 1,4 volte.

Sul mercato secondario il titolo con scadenza quinquennale rende l’1,633% mentre quello al 2029 segna un 2,579%, contro l’1,654 e il 2,588 per cento precedente.

Inoltre, oggi sono è stato assegnato un miliardo di CCTEu a fronte di richieste pari a 1,89 miliardi. Il rendimento lordo in questo caso si è attestato all’1,77%, -5 centesimi sull’asta del 28 marzo.

Spread Btp in calo

Con il tasso sul decennale italiano in lieve calo e quello sul corrispondente titolo tedesco in risalita allo 0,033%, il differenziale di rendimento Italia-Germania scambia a 254,6 punti base.

Rispetto a ieri, lo spread Btp-Bund segna un rosso dell’1,55%.

Iscriviti alla newsletter "Risparmio e investimenti" per ricevere le news su BTP

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.