Inflazione: l’allarme è per il cibo, non per l’energia

Violetta Silvestri

16 Luglio 2022 - 15:52

condividi

I prezzi al consumo sono alle stelle a livello mondiale: dall’energia al grano le materie prime costano sempre di più. Il grande pericolo, però, è l’inflazione del cibo secondo gli esperti. I motivi.

Inflazione: l'allarme è per il cibo, non per l'energia

Il forte aumento dei prezzi del petrolio e dei minerali dopo l’invasione russa dell’Ucraina ha distratto gli investitori dall’impatto duraturo e più pericoloso dell’inflazione alimentare: a lanciare il monito è fondatore di BlackRock (la più grande società di investimento mondiale), Larry Fink.

“L’unica cosa di cui mi preoccupo di cui non parliamo abbastanza è il cibo”, ha detto al Financial Times. “Questa non è solo una preoccupazione per l’inflazione. Ci sono anche preoccupazioni geopolitiche che ne derivano.”

I prezzi dell’energia, del greggio e degli input agricoli derivati ​​dal petrolio sono aumentati all’inizio di quest’anno, quando le nazioni occidentali hanno imposto sanzioni alla Russia dopo l’invasione. Anche i costi del grano e dell’olio commestibile sono stati colpiti duramente, perché l’Ucraina è uno dei principali esportatori.

In questo contesto, ciò che spicca è un’inflazione alimentare che non cede il passo, mentre il settore energetico ha registrato qualche inversione di tendenza nelle quotazioni (specialmente il petrolio).

Il costo elevato del cibo è una grande minaccia secondo Larry Fink e non solo: tutti i motivi di allarme.

L’inflazione alimentare è un grande rischio sottovalutato

L’inflazione alimentare rimane ostinatamente alta. I dati dell’indice dei prezzi al consumo negli Stati Uniti per giugno mostrano che il costo di pollo e della farina è aumentato di quasi il 20% su base annua e la margarina è balzata del 34%.

Sulla base di questi dati e non solo, il presidente della società di investimento BlackRock non ha dubbi: il settore alimentare va monitorato attentamente.

“Parliamo molto dei prezzi della benzina perché questo è ciò che colpisce gli americani, ma il problema più grande è il cibo”, ha detto Fink. “C’è stata un’enorme distruzione di seminativi in ​​Ucraina...A livello globale il costo dei fertilizzanti è aumentato di quasi il 100% e quel costo aggiuntivo sta riducendo la quantità di fertilizzante utilizzato nell’agricoltura. Ciò sta danneggiando la qualità del raccolto in tutto il mondo”

Sebbene i prezzi del petrolio più bassi abbiano iniziato a influenzare il costo alla pompa per gli automobilisti, le società di beni di consumo continuano a vedere prezzi di input elevati. È probabile che qualsiasi calo dei fertilizzanti arrivi troppo tardi per aumentare i raccolti alimentari di quest’anno.

La Banca Mondiale prevede che dopo l’invasione, i prezzi alimentari globali cresceranno del 20% quest’anno, superando di gran lunga le materie prime.

L’impatto è particolarmente grave in Africa, che di solito importa grano dall’Ucraina. I prezzi dei fertilizzanti sono aumentati del 300% e il continente sta affrontando una carenza di 2 milioni di tonnellate, secondo la Banca africana di sviluppo. Ha approvato un programma da 1,5 miliardi di dollari per aiutare gli agricoltori a colmare il divario, ma avverte che la produzione totale potrebbe diminuire del 20% quest’anno.

Bill Gates, il filantropo e co-fondatore di Microsoft, questa settimana ha segnalato preoccupazioni simili, affermando che la riduzione delle forniture di grano, oli commestibili e altri alimenti causata dalla guerra in Ucraina stava “aumentando i prezzi dei generi alimentari, il che aumenterà la malnutrizione e l’instabilità nei Paesi a basso reddito.”

Il produttore di snack Mondelez vede così tanta inflazione e problemi di disponibilità per gli oli e i cereali commestibili che sta esaminando una formulazione flessibile per assicurarsi di poter sostituire alcuni ingredienti e componenti che scarseggiano con qualcosa che è più disponibile.

Gli scenari restano cupi per l’inflazione alimentare e il mondo non potrà non risentirne per molto tempo ancora.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.