Inflazione al 18%: previsione shock per questo Paese

Violetta Silvestri

22 Agosto 2022 - 13:04

condividi

L’inflazione è destinata a crescere ancora, considerando i prezzi energetici in corsa. Per la nazione britannica, si prospetta un inizio 2023 da incubo, con prezzi a +18%.

Inflazione al 18%: previsione shock per questo Paese

L’inflazione nel Regno Unito è in procinto di raggiungere il 18,6% a gennaio, il picco più alto in quasi mezzo secolo, a causa dell’impennata dei prezzi del gas all’ingrosso: questa la nuova previsione di Citi basata sugli ultimi prezzi di mercato.

All’inizio di questo mese la BoE ha stimato che l’inflazione avrebbe raggiunto il picco di poco più del 13% alla fine del 2022.

Con un livello così elevato, 18%, i prezzi danneggerebbero fortemente i redditi delle famiglie, spingendo ancora di più l’economia del Regno Unito in recessione, ma il capo economista di Citi ha affermato che l’entità della probabile inflazione porterebbe anche la Banca d’Inghilterra a inasprire ulteriormente la politica monetaria.

Shock inflazione in Regno Unito: può toccare il 18%

La banca d’investimento Citi ha previsto che il tetto massimo del prezzo dell’energia al dettaglio può arrivare a £ 4.567 a gennaio e poi a £ 5.816 ad aprile, rispetto all’attuale livello di £ 1.971 all’anno, cambiamenti che porteranno l’ inflazione a “entrare nella stratosfera”.

“Ora ci aspettiamo che l’inflazione CPI raggiunga un picco di oltre il 18% a gennaio”, ha affermato Benjamin Nabarro, capo economista britannico di Citi. Secondo le stime dell’Office for National Statistics, questo sarebbe più alto del picco di inflazione dopo il secondo shock petrolifero Opec del 1979, quando l’IPC ha raggiunto il 17,8%.

Nabarro ha avvertito che “i rischi rimangono inclinati al rialzo” e la Banca d’Inghilterra potrebbe dover aumentare i tassi di interesse al 6% o al 7% “se emergono segnali di un’inflazione più radicata”. Ha aggiunto che l’aumento della disoccupazione potrebbe limitare la necessità di aumenti così bruschi.

Goldman Sachs e EY hanno affermato di aspettarsi un tasso di inflazione di almeno il 15% intorno all’inizio del prossimo anno.

Le nuove stime di Citi hanno tenuto conto di un aumento del 25% dei prezzi all’ingrosso del gas la scorsa settimana e di un aumento del 7% dei prezzi all’ingrosso dell’elettricità.

“Anche con l’indebolimento dell’economia, i dati della scorsa settimana hanno riaffermato che il continuo rischio di passaggio dall’inflazione primaria ai salari e alla fissazione dei prezzi interni potrebbe accelerare”, ha affermato Nabarro.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Correlato